Agricoltura, tessile, turismo, shipping. Questi i principali settori su cui puntare per investire in Tunisia e cercare nuove opportunità di business. Se ne discute oggi, in Camera di commercio a Genova, nel corso della giornata-focus organizzata dall’ente camerale, Consolato della Repubblica Tunisina a Genova e Wtc Genoa, l’azienda speciale della Camera di commercio per l’internazionalizzazione.

«I rapporti tra Genova e la Tunisia sono secolari − spiega Paolo Odone, presidente della Camera di commercio di Genova – e sono ottimi anche i rapporti con il Consolato. La giornata di oggi può essere una buona occasione per le nostre imprese, circa 50 quelle presenti, per favorire lo sviluppo di nuove opportunità commerciale. Tra i settori di maggior interesse l’agricoltura, in particolare l’olio, ma anche il tessile. Il turismo, che va visto anche in chiave sicurezza, sebbene il problema del terrorismo che ha toccato anche questo Paese è stato forse più un episodio piuttosto che un fatto strutturale. E poi, ovviamente, il porto, i trasporti e lo shipping: per noi l’interscambio con i Paesi della sponda Sud del Mediterraneo e fondamentale».

La maggior parte delle imprese presenti per gli incontri b2b del pomeriggio sono genovesi. Alcune realtà provengono anche dal resto della regione e una viene da Parma.

«Le opportunità di business in Tunisia sono molte − afferma Nasr Ben Soltana, console della Repubblica Tunisina a Genova − a partire dall’agricoltura. Oggi è una giornata importante per fornire informazioni e spunti alle imprese, ma la cosa migliore è sempre recarsi sul posto e vedere con i propri occhi cosa può offrire il nostro Paese».

Al centro della giornata anche la situazione politica e la questione della sicurezza, situandole nel contesto internazionale attuale, e le strategie di gestione e le misure adottate dal governo tunisino. Ma saranno affrontati anche i temi della legislazione che regola gli investimenti, i vantaggi fiscali per gli investitori esteri, le procedure di accesso, le facilitazioni dedicate e le istituzioni di riferimento.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.