Onorato attacca ancora Grimaldi: «gode di un regime speciale»

Prosegue la polemica tra l’armatore Vincenzo Onorato e il presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi sull’impiego di marittimi non italiani . Ieri Onorato aveva attaccato Grimaldi con una lettera aperta pubblicata a pagamento su alcuni quotidiani, e Grimaldi aveva risposto con un comunicato di Confitarma

«Devo constatare – scrive Onorato a proposito del comunicato di Grimaldi – che in esso non è contenuta alcuna risposta alla mia lettera aperta. Il presidente Grimaldi afferma nella sua nota : “L’armatore Onorato, denota un’assoluta ignoranza in materia e ciò che sostiene, da eretico riguardo alla sua politica di occupazione di marittimi tutti italiani, è da ricondurre ad un preciso obbligo derivante da norme italiane e comunitarie che impongono l’imbarco di marittimi italiani e/o comunitari si traffici di cabotaggio nazionale. Obbligo assolto da tutti gli armatori italiani su traffici equivalenti a quelli operati dall’armatore Onorato.”»

«Questa affermazione del presidente Grimaldi – osserva Onorato – è profondamente corretta ed allora non so spiegarmi come mai su ben 29 sue navi impiegate sulle seguenti rotte nazionali italiane quali la Savona-Catania, la Salerno-Cagliari, la Livorno-Palermo, la Venezia-Ravenna-Bari, la Livorno-Catania, la Civitavecchia-Porto Torres ed altre ancora, il 60 % del personale di bordo risulta essere extracomunitario.Alla luce di questa incontestabile contraddizione, devo riconoscere che quando il presidente di Confitarma mi dà dell'”ignorante” è nel giusto: pensavo che la regola così precisamente esposta da Grimaldi valesse per tutti ma, evidentemente, lui gode di un regime speciale. Noblesse oblige»

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here