Si chiama Ecolego ed è la finalità del progetto di cooperazione internazionale Alcotra che ha visto protagonista l’Istituto regionale di Floricoltura di Sanremo insieme alla struttura francese “sorella” Inra, Istituto di ricerca in Agricoltura, di Antibes. L’obiettivo è proprio quello di consolidare e ampliare la cooperazione italo-francese per creare una rete di competenze, servizi e formazione a supporto delle aziende e strutture del territorio.

I risultati di Alcotra saranno presentati giovedì 17 dicembre, dalle 9, nella sede sanremese dell’Irf. Parteciperanno il sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri, l’assessore alle Attività Produttive e Floricoltura Anna Maria Asseretto e diversi rappresentanti dell’imprenditoria territoriale.

Si tratta di risultati concreti e già usufruibili per le aziende del territorio: un data-base sulla situazione fitosanitaria del territorio che supporta le strategie territoriali di difesa colturale. Un servizio di moltiplicazione in vitro a supporto dello sviluppo di nuovi prodotti
dell’imprenditoria e uno di assistenza tecnica a supporto delle imprese e delle strutture commerciali del territorio. Ma anche un servizio di nematologia disponibile, attraverso la rete creata, nelle strutture dell’Inra. Tra i risultati raggiunti anche l’assistenza per la creazione di gruppi di prodotto transfrontalieri orientati a prodotti innovativi e nei quali è attiva un’interazione pubblico-privata e un servizio per attività formative rivolte alla formazione professionale post-scolastica per l’incentivazione dell’occupazione giovanile.

Fondamentale l’interazione dell’istituto di Sanremo con le realtà della filiera del territorio: le strutture del Servizio Fitosanitario Regionale, il Mercato dei Fiori di Sanremo, gli istituti di ricerca del Cnr-Ipsp-Torino e Crea Sanremo e diverse aziende imprenditoriali del territorio.

Dopo l’incontro previsto nella mattinata di giovedì, seguirà nel pomeriggio “30 Incontri Fitoiatrici”, evento che l’Irf organizza da alcuni anni con la struttura Agrinnova di Torino e che offrirà a tecnici e studenti in agraria un’esperienza pratica per il riconoscimento di nuove fitopatie e indicazioni di lotta.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.