Sarà un professore genovese,  Aldo Franco De Rose, andrologo e urologo della Clinica Urologica di Genova, il presidente dell‘Associazione Andrologi Italiani (Assai) nei prossimi tre anni. De Rose è stato rieletto presidente nel corso del terzo congresso nazionale che si è svolto a Gallipoli. L’Associazione Andrologi Italiani, che questo anno conta poco più di 500 iscritti, è composta da professionisti di diversa estrazione formativa. Il suo elemento distintivo è la multidisciplinarietà.

Obiettivo primario dell’Assai è la promozione di diverse modalità di prevenzione andrologica e di iniziative volte a migliorare la qualità della vita dell’uomo in tema di fertilità, tumori, sessualità, contraccezione, disabilità e andropausa.

«A questo scopo – annuncia De Rose – abbiamo realizzato il Calendario degli Andrologi Italiani, che farà arrivare alle famiglie italiane quelle informazioni necessarie per non far sentire malate le persone sane e dare invece la certezza che la sessualità e la riproduzione di lui e di lei potranno essere salvaguardate, custodite e curate. Il calendario è costituito da 36 contributi scientifici, tre per mese, che parlano delle varie problematiche sessuali e riproduttive di lui e di lei, dalla vita embrionale agli 80 anni e in questo mese di novembre sarà distribuito gratuitamente in quasi tutte le farmacie italiane o essere scaricato direttamente dal sito della società scientifica, www.associazioneandrologi.it. Abbiamo pensato alla realizzazione del calendario – precisa De Rose – perché riteniamo importante una sollecitazione per la prevenzione che duri tutto un anno e non sia confinata a qualche giorno o settimana come viene fatto dalla società scientifiche. Un obiettivo importante sarà dunque quello di mettere in guardia le persone sulla pericolosità di alcuni stili di vita come il fumo di sigarette, la sedentarietà, e far sapere che sin da piccoli esiste già la pericolosità di alcuni tipi di alimentazione e i risvolti negativi che questi possono avere sulla sessualità da adulti».

L’Assai, oltre a dedicarsi alla cura e alla prevenzione, si impegna anche in iniziative a carattere sociale. Tra i principali obiettivi vi è quello di mettere le proprie competenze a disposizione delle associazioni di pazienti (infertili, oncologici, incontinenti, paraplegici, diabetici) offrendo strategie di collaborazione volte a migliorare la qualità della vita.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.