La procura e il gip nell’inchiesta sulle presunte “spese pazze” dei gruppi consiliari della Regione Liguria hanno invaso la sfera di attribuzioni degli organi regionali e quindi bisogna sollevare un conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato. È il contenuto della diffida presentata al presidente della Regione  da parte dell’ex consigliere Gino Garibaldi, tramite il suo legale Daniele Granara.

La diffida è stata presentata anche nel corso dell’udienza preliminare per le spese pazze in consiglio per l’inchiesta in cui sono indagati i 25 consiglieri. Le spese contestate dal pm Francesco Pinto riguardano il periodo della legislatura compresa tra il 2010 e il 2012. Secondo l’accusa, i 25 consiglieri si sarebbero fatti rimborsare dalla Regione acquisti personali . Secondo il legale, il consiglio regionale ha una sua autonomia politica e organizzativa, contabile e funzionale garantita dalla Costituzione. Tra le funzioni garantite sarebbe anche quella delle decisioni sulle spese di rappresentanza e per l’esercizio delle funzioni dei consiglieri. L’avvocato sostiene che le spese contestate dalla procura sono state fatte a fini istituzionali. Granara ha chiesto al presidente attuale della Regione, Giovanni Toti, di sollevare il conflitto di attribuzioni e, di conseguenza, l’annullamento del procedimento penale in corso.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.