«Ci siamo trovati davanti a una situazione che non può che generare forti dubbi: a Genova su 7.860 alloggi Erp, Edilizia residenziale pubblica, ben 1.753 sono morosi, pari al 22%, una media al di sopra del resto d’Italia». Lo affermano, in un documento congiunto, Matteo Rosso, capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Liguria, e Stefano Balleari, vicepresidente del consiglio comunale genovese, dopo avere esaminato i dati relativi alla morosità degli inquilini di Arte Genova.

«A fronte di questo fenomeno – si legge nel documento – preoccupa il numero esiguo degli sfratti effettuati dal Comune di Genova, che oscillano tra gli 11 e i 13 ogni anno. È evidente che ci sia qualcosa nel meccanismo che non funzioni come dovrebbe. Arte a oggi non ha alcuna facoltà di intervenire direttamente negli sfratti dei morosi, competenza che invece è del Comune di Genova. Pensiamo che sia da rivedere a fondo il concetto di “morosità incolpevole” e che sia davvero verificato magari costituendo un corpo ispettivo dedicato, una task force ispettiva che valuti caso per caso e, qualora riscontri delle evidenti incongruenze, attui un’immediata rassegnazione dell’alloggio a chi davvero ne dovrebbe usufruire. Sappiamo bene che tra quei “morosi incolpevoli” si possono annidare i soliti furbetti, che magari non pagano irrisori affitti ad Arte ma che poi parcheggiano sotto casa qualche macchina di lusso. Pertanto – concludono Balleari e Rosso – proporremo nelle sedi competenti di Regione e Comune una profonda revisione del concetto di “morosità incolpevole” – che dovrebbe trovare riscontro anche nello stile di vita dell’assegnatario dell’alloggio – e uno sforzo ispettivo che riporti equità e giustizia sociale per garantire il diritto alla casa alle famiglie che davvero oggi si trovano in situazioni di difficoltà economica, tagliando fuori dal circuito dell’assegnazione chi fa il furbo».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.