La Liguria, nonostante si collochi in una posizione geografica strategica, possedendo tre dei principali porti italiani, presenta ancora dei forti limiti a livello competitivo e infrastrutturale che ne limitano le esportazioni, pur essendo in costante crescita.

Sono alcuni dei dati emersi durante la settantesima assemblea di Alce, l’Associazione ligure per il commercio estero. Secondo i dati elaborati dal Centro Studi di Alce, nel 2014 le esportazioni liguri hanno rappresentato solo l’1,78% del totale italiano e il 4,42 % del totale esportato dal Nord Ovest.

Le regioni adiacenti hanno registrato invece percentuali decisamente più significative: la Lombardia ha esportato più del 27% del totale nazionale, il Veneto e l’Emilia Romagna più del 13%, il Piemonte circa l’11%.

Nonostante questo, dai dati emerge, negli ultimi quindici anni, un aumento consistente dell’apertura commerciale della Liguria: le esportazioni sono state in costante aumento e nel 2014 sono cresciute in modo significativo rispetto al 2013 (+10%) soprattutto se confrontate con il trend nazionale (+2%) e Nord-Occidentale (+2%).

Dal punto di vista delle aree geografiche di interesse c’è stata una notevole crescita delle esportazioni indirizzate verso l’Africa, passate dal 4% del 2000 al 24% nel 2014: in particolare, i Paesi Nord Africani (specialmente Algeria, Tunisia ed Egitto) sono tra i principali partner commerciali della Liguria per volume di esportazioni, nonostante il primo partner commerciale delle imprese liguri resti la Francia.

«L’Africa in pieno boom demografico – sottolinea il presidente di Alce Riccardo Braggio – può rappresentare un’importante opportunità per le nostre imprese: basti pensare che nel 2014 tra i paesi con tassi di crescita del Pil più elevati ci sono stati Cina, India e Nigeria. Un fattore di novità e particolare interesse è, poi, la progressiva creazione di centri di ricerca e innovazione: già oggi sono presenti nel continente almeno 90 tech-hub, ovvero spazi di condivisione per giovani imprenditori con buone idee innovative in materia di trasporti, sanità e ambiente. Ci sono poi alcuni paesi, non solo in Africa, con un enorme potenziale attrattivo per le imprese italiane e liguri: in particolare la Libia, se il paese riuscirà a raggiungere una stabilità politica e, nell’area del Medio Oriente, l’Iran, alla luce dell’accordo del 14 luglio scorso a Vienna e della prospettiva di una rimozione delle misure restrittive poste in essere fino ad oggi dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti».

A livello settoriale, resta limitato (seppur in crescita del 2% annuo) il peso delle esportazioni nel comparto alimentare e delle bevande, che potrebbe invece costituire un’opportunità per una regione ricca di prodotti tipici come la Liguria. Al contrario, la contrazione delle importazioni liguri è stata più significativa della media nazionale (-13% in Liguria contro -2% in Italia) a causa del crollo, dal 2011, della domanda interna, unita alla crisi del settore del carbone a Vado Ligure.

L’obiettivo di Alce è quello di stimolare la crescita e l’innovazione anche al proprio interno: per la prima volta nella storia dell’associazione, il presidente di Alce Giovani, Andrea Risso, è anche vicepresidente dell’associazione e il consiglio direttivo si è arricchito della presenza di imprenditori under 40.

Novità di quest’anno è la nascita del Centro Studi Alce che, in collaborazione con l’Università di Genova, ha il compito di raccogliere dati e sviluppare i temi di commercio estero con indicazioni e strategie. Sono in programma la pubblicazione di una serie di quaderni sull’internazionalizzazione, la costruzione di studi mirati a supporto dei decisori e lo sviluppo di linee strategiche per la piccola media impresa.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.