Un progetto Alcotra, fondi 2014-2020, per moltiplicare la potenzialità turistica della Monesi-Limone, la via d’alta quota transfrontaliera che unisce due stati e tre regioni e altrettante province (Imperia, Cuneo e Nizza). Lo annuncia l’assessore al Turismo della Regione Liguria Gianni Berrino, mentre gli enti coinvolti procedono alla firma delle convenzioni preparatorie. Capofila è l’Unione Montana Alta Val Tanaro, poi il Comune di Triora e il Sivom, unione dei comuni della val Roya francese. La sterrata d’alta quota è stata inaugurata lo scorso anno e aperta al traffico nel mese di luglio 2015, con un contingentamento dei veicoli a motore e riscossione di una tariffa per il transito nella tratta piemontese e francese. «Crediamo – ha detto Berrino – che dal recupero e dalla promozione della strada ex militare Monesi-La Brigue-Limone Piemonte-Col de Tende, attraverso un’operazione di marketing territoriale unitaria, sia possibile creare un prodotto turistico organizzato in grado di favorire lo sviluppo sociale, economico, turistico e ambientale di un’area transfrontaliera di grande valenza naturalistica». Precisa Cristian Alberti , assessore del Comune di Triora: «La bellissima strada tra Monesi e Limone sta avendo un ottimo successo di transito. Questo progetto di fatto è un secondo lotto (dopo l’importante restauro viario, intervento anch’esso finanziato con 2 milioni di euro, ndr) che prevede lavori edili e la costruzione di un prodotto turistico organizzato, anche attraverso le tecnologie web, dell’intera strada sui circuiti turistici internazionali». Il progetto verrà presentato entro il week end per ottenere un finanziamento Europeo Alcotra 2014-2020.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.