Novecentoquarantamila euro del fondo della non autosufficienza per il progetto Meglio a casa che raccoglie l’eredità delle precedenti iniziative “Codice d’argento” e “Approccio sociale” destinate alle persone fragili in condizioni di criticità. Sono stati stanziati dalla giunta regionale su proposta del vicepresidente e assessore regionale alla salute e alle politiche sociali Sonia Viale, per le dimissioni protette dall’ospedale delle persone anziane e soprattutto prive di una rete familiare.

La somma anticipata dalla giunta regionale viene ripartita tra i Comuni capofila dei distretti sociali: 130.660 euro al distretto 2 del Comune di Sanremo, 193.828 al distretto 7 del Comune di Savona, 190.256 per il distretto 9 Centro Ovest Medio Ponente del Comune di Genova, 145.606 per il distretto 10 Valpolcevera Vallescriva del Comune di Genova, 109.322 per il Comune di Chiavari e 170.328 per il Comune della Spezia.

«Le dimissioni protette soprattutto per le persone anziane – dice Viale – sono la strada preferibile da percorrere per ridurre i tempi di ricovero per quei pazienti che, pur presentando condizioni di salute stabili, necessitano di un’assistenza perché fragili dal punto di vista familiare e sociale. La proroga del “Codice d’argento” è stato uno dei primi provvedimenti varati d’urgenza da questa giunta. Riteniamo che dare un’assistenza adeguata alle fasce più deboli sia un elemento irrinunciabile del nostro mandato di governo nonostante le sempre maggiori difficoltà dovute ai tagli del governo al sociale e alla sanità».

Inoltre è stata autorizzata la spesa di 400 mila euro ai distretti sociosanitari della Liguria a favore di minori affidati all’autorità giudiziaria a strutture socio educative in Comuni con popolazione inferiore ai 10 mila abitanti. La ripartizione dell’importo è in base alle spese sostenute dai Comuni stessi per gli interventi nel 2014.

La somma è stanziata a favore dei Comuni capofila dei distretti. «L’assistenza attraverso percorsi educativi dei minori affidati dai tribunali ai servizi dei Comuni – dice Viale – è lo strumento necessario per il loro reinserimento sociale e per garantire loro prospettive di un futuro dignitoso». La somma stanziata è un anticipo del 50% del totale disponibile di 800 mila euro e si rimanda a un successivo provvedimento l’impegno e la liquidazione del saldo in seguito alla verifica degli equilibri di bilancio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.