Fermo “no” del gruppo consiliare di maggioranza del Comune di Chiavari “Chiavari Cresce”, composto da Sandro Garibaldi, Nicola Orecchia, Monica Merciari e Giovanni Falcini, alla scelta del depuratore unico comprensoriale del Tigullio orientale.

Come si legge in una nota del gruppo, “Chiavari è stato il primo Comune del Tigullio a essere in regola per quanto riguarda il trattamento delle acque reflue sul suo territorio, dotandosi già da oltre trent’anni di un proprio depuratore, perfettamente funzionante, che oggi è anche condiviso col Comune di Leivi e, per metà, col Comune di Zoagli e che sarebbe antieconomico smantellare per costruirne uno nuovo a breve distanza”.

“Non si vede – prosegue la nota – perché la Regione e la Città Metropolitana di Genova debbano oggi scaricare su Chiavari il compito e la responsabilità di trovare, peraltro, con così poco tempo a disposizione, la soluzione al problema e rimediare all’inerzia degli altri Comuni, che per anni hanno rimandato ogni decisione per non scontentare i loro cittadini”.

Il gruppo consiliare di maggioranza si ritiene quindi pronto a mettere in atto azioni di protesta. Martedì 18 agosto atteso l’incontro sul tema con l’assessore regionale Giacomo Giampedrone.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.