Sono 35.976 su un totale di 162.777 (al 31 marzo) le imprese liguri guidate da donne, con un tasso di femminilizzazione pari al 22,1%. È quanto risulta dai dati dell’Osservatorio sull’imprenditoria femminile di Unioncamere, diffusi in vista del workshop “Fare impresa al femminile, opportunità di finanziamento”, organizzato da Impresa Donna Confesercenti Liguria in collaborazione con Intesa Sanpaolo per mercoledì 15 luglio, con inizio alle 10.30, nella sede di Intesa Sanpaolo a Genova, in piazza Fontane Marose 1.

Impresa Donna Confesercenti Liguria intende approfondire, insieme a Intesa Sanpaolo, gli strumenti di accesso al credito per le imprenditrici e fornire informazioni sul supporto che Confesercenti, presso le sue sedi territoriali in Liguria, offre per l’avvio e per la gestione dell’impresa. In particolare, verrà messo a fuoco il protocollo d’intesa sottoscritto dall’Abi-Associazione Bancaria Italiana, con il dipartimento per le pari opportunità della presidenza del Consiglio dei ministri, il ministero dello Sviluppo Economico e le associazioni imprenditoriali di categoria maggiormente rappresentative delle imprese, che riguarda un quadro di interventi per favorire l’accesso al credito delle donne che lavorano in proprio.

Il protocollo prevede che ciascuna delle banche aderenti – tra le quali quelle del gruppo Intesa Sanpaolo – metta a disposizione delle imprese femminili e delle lavoratrici autonome uno specifico plafond finanziario, destinato alla concessione di finanziamenti per avviare una nuova attività, effettuare nuovi investimenti (materiali o immateriali), sviluppare l’attività d’impresa o la libera professione, affrontare situazioni di momentanea necessità di liquidità. Le imprenditrici che accedono a questo finanziamento possono beneficiare gratuitamente della garanzia della Sezione speciale del Fondo di garanzia per le pmi.