Ci sarà anche un po’ di Liguria al 68° Festival di Cannes, in programma dal 13 al 25 maggio. Un’edizione che, dopo più di vent’anni, vede tre opere italiane candidate alla Palma d’Oro: “Youth” di Paolo Sorrentino, “Mia Madre” di Nanni Moretti e “Il Racconto dei Racconti” di Matteo Garrone.

Il merito va a Illusion, società di video produzione fondata a Genova da Dennis Cabella e Marcello Ercole, che si è conquistata un ruolo nella realizzazione del nuovo film del regista di Gomorra e Reality. Una pellicola fantasy dal cast internazionale e ricca di atmosfera, ispirata a un’antica raccolta di fiabe dell’autore napoletano Gianbattista Basile.

Proprio agli effetti visivi ha contribuito in modo decisivo Illusion, chiamata a collaborare su una sequenza importante in prossimità della presentazione al concorso di Cannes. (Nel trailer ufficiale, è possibile vedere un brevissimo assaggio della sequenza al minuto 1’28”).

Liguria Business Journal ha incontrato Dennis Cabella, co-fondatore e Ceo di Illusion, per raccontare questa esperienza e cosa significhi operare in questo settore in Italia.

– Come è nata questa opportunità e su cosa, nello specifico, avete lavorato?
«Siamo stati contattati dalla società che si occupava della direzione artistica e virtual effects del film di Garrone, con la quale avevamo co-prodotto in passato la parte artistica del film indipendente Fantasticherie di un Passeggiatore Solitario. Ci hanno chiesto una mano per portare a termine il lavoro in tempo per la presentazione a Cannes: si tratta di una sequenza in cui uno dei protagonisti è inseguito da una creatura all’interno di una caverna. Il nostro compito era quello di curare gli effetti visivi e conferire un’atmosfera più “dark” a tutta la scena, in soli venti giorni».

– Immagino sia stata una fatica immane.
«Abbiamo rinunciato a svariate ore di sonno, ma ne è valsa la pena. Era un lavoro complesso, da fare in poco tempo e per una grande produzione. Per fortuna il materiale di partenza era di altissimo livello e il rapporto con la produzione è stato ottimo. È stata una sfida e siamo davvero soddisfatti».

fantasticherie
Clicca per ingrandire

– Parliamo di Illusion. Vi eravate già fatti notare nel 2009 con Pathos, un cortometraggio di fantascienza che ha ricevuto riconoscimenti internazionali, ma il lato artistico e dei visual effect non è la vostra attività principale.
«Il nostro core business è legato ai video commerciali per imprese e istituzioni: spot pubblicitari, computer grafica, video promozionali e comunicazione aziendale, cercando di fornire al cliente un prodotto “chiavi in mano”. Questo ci permette poi di indirizzare parte delle nostre energie a progetti artistici che riteniamo interessanti e di qualità».

– Quali sono stati i vostri ultimi prodotti di punta in questo ambito?
«Lavoriamo sia sul territorio ligure sia su quello nazionale, con imprese a vocazione internazionale. Abbiamo realizzato Travel Diaries, una serie di spot per Costa Crociere. Tra i nostri lavori più recenti c’è quello per Mectron – un’impresa ligure che produce apparecchiature mediche per il mercato internazionale – per Amico & Co Shipyard, che opera nel campo del restauro di grandi yacht».

– Quanto è difficile oggi in Italia e, in particolare in Liguria, mantenere viva una realtà di video produzioni?
«L’Italia è ancora un paese difficile, le ambizioni legate al lato artistico sono viste spesso come un’utopia. Se vuoi sopravvivere, il lato commerciale è indispensabile. Qualcosa però sta cambiando, perché si inizia a capire che anche da noi iniziano a emergere realtà in grado di dare un valore aggiunto a un film. Ne è un esempio “Makinarium”, con cui abbiamo collaborato per “Il racconto dei Racconti”: un insieme di imprese di animazione, computer grafica, post-produzione e composing, riunite in un’unica struttura in grado di dedicarsi quasi esclusivamente al mondo del cinema. Sembra esserci speranza, insomma».

– A proposito di sfide, avete lavorato anche a Perfect Circles, un film interattivo: da molti è considerata la nuova frontiera dei videogame, basti pensare al successo di Heavy Rain e Beyond: Two Souls.
«È un progetto sviluppato per il mercato mobile (iPhone e iPad), che abbiamo creato assieme a Riccardo Boccuzzi e Tideup e che ha ricevuto quattro nomination alla Game Connection 2014. Abbiamo preso accordi con un distributore francese, specializzato nell’ambito mobile. Si tratta di un’idea che abbiamo finanziato integralmente e che speriamo possa portare buoni frutti per il futuro».

E in ambito cinematografico, quali sono i prossimi progetti?
«Un produttore inglese ha preso in mano il progetto Pathos-il film, di cui nel frattempo abbiamo scritto la sceneggiatura per un lungometraggio: insieme a lui ne stiamo seguendo lo sviluppo. Abbiamo in cantiere alcuni progetti, ma al momento preferiamo tenerli top secret».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.