Manca poco più di un mese a Expo 2015 e la Liguria si presenta alle porte dell’esposizione universale dal tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” con un artigianato alimentare in leggera crescita dello 0,1%. Settore che, in Liguria, può contare su 3.119 realtà.

Secondo l’Ufficio studi Confartigianato su dati Istat, nel terzo trimestre 2014 la crescita italiana, che coinvolge oltre 90 mila imprese, è stata dello 0,5% sullo stesso periodo del 2013. Le variazioni maggiori in Trentino Alto Adige (+2,2%), Friuli Venezia Giulia e Toscana (+1,4%). In calo Valle d’Aosta (-3,8%), Molise (-2,4%) e Basilicata (-2%).

A pesare maggiormente sull’andamento dell’alimentare ligure, le oltre 1.560 realtà tra pasticcerie, panifici e gelaterie (+0,1%, in linea con la media regionale). Bene anche le imprese del comparto lattiero-caseario (20, in crescita del 42,9%), le produzioni artigianali di vino, birra e distillati (+7,7% registrato dalle 28 imprese del settore) e la lavorazione di cereali e amidi, 6 imprese, le stesse del 2013. Segno meno per il settore della pasta, circa 200 micro e piccole imprese in Liguria: -3,1% rispetto al 2013. In calo anche la produzione di oli e grassi vegetali e animali (55 imprese, -1,4%), la lavorazione del tè, cacao, condimenti e spezie (44 imprese, -4,3%), quella di frutta, ortaggi e pesce (32 realtà, -7,7%) e della carne (21 imprese, -8,7%). Una lieve flessione (-0,6%) per i servizi di ristorazione, come il cibo da asporto: se ne contano 1.083 in tutta la regione.

«A poche settimane dall’inaugurazione dell’esposizione universale di Milano – spiega Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – la nostra regione dovrà essere pronta a sfruttare, con un importante bagaglio di tradizione alimentare, in lieve e positiva crescita, un evento che rappresenta un’occasione per mettere in evidenza la qualità dei nostri prodotti. E di certo la Liguria può contare su molteplici e importanti produzioni artigiane del comparto basate su creatività e legame con la tradizione e il territorio».

È Genova a registrare la maggior crescita della regione (+1%), mentre a Imperia e alla Spezia il settore è in leggero calo dello 0,3% e dello 0,7%. A Savona troviamo il segno meno più marcato: -1,2%. Tra i settori con il maggior numero di imprese attive, i dolci sono una specialità soprattutto genovese: sono 724 le micro e piccole realtà tra pasticcerie, panifici e gelaterie artigianali concentrate nella provincia del capoluogo (+1,3). Il savonese ne conta 409 (-1,7%), La Spezia 234 (+0,4%) e Imperia 194 (-1%). A Genova si trova anche il maggior numero di imprese attive nei servizi di cibo da asporto: sono 625, in leggero calo dello 0,2%. Alla Spezia se ne contano 234 (+0,4%), 212 a Savona (-1,4%) e 108 nell’imperiese (-0,9%). Calo del 3,9% per i 124 pastifici genovesi, mentre le 44 realtà di Savona registrano un -4,1%; invariata la situazione nelle province di Imperia e La Spezia, che contano, rispettivamente, 24 e 27 realtà del comparto.

L’importanza dell’alimentare ligure per l’economia della regione è data anche da una buona propensione all’export del settore: nel secondo trimestre 2014 la Liguria registra esportazioni in aumento del 4,5% rispetto allo stesso periodo del 2013, pari a 15,5 milioni in più sui quasi 360 milioni di euro di alimentari esportati in un anno.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.