A guidare la crescita del 2% dell’export nazionale c’è la Liguria che, pur rappresentando solo l’1,8% delle esportazioni italiane, ha registrato in un anno una crescita del 10,2%, passando da 6,4 a oltre 7 miliardi di euro: di questi 4,4 miliardi sono destinati a Paesi extra-UE (il 62,4% del totale) con una crescita del 20,4%, mentre verso l’area comunitaria l’export si è ridimensionato del 3,4%. Secondo gli ultimi dati Istat, insieme alla Liguria, le regioni che hanno contribuito maggiormente a sostenere l’export nazionale (soprattutto perché incidono per oltre il 10% sul totale Italia) sono Emilia Romagna (+4,3% sul 2013), Lombardia (+1,4%), Veneto (+2,7%) e Piemonte (+3,3%).

Tra i settori trainanti e più significativi in termini di quantità, troviamo le attività manifatturiere, i cui prodotti rappresentano oltre il 90% dell’export ligure, e che, rispetto al 2013, hanno invertito il trend e registrato una crescita del 12,3%. All’interno del comparto, buona la performance dei macchinari (+48,7% l’export complessivo, +61% quello extra-Ue), che rappresentano il 18,7% del totale delle esportazioni, seguiti dai mezzi di trasporto (+46,7% l’export complessivo, +102,9% quello extra-Ue).

Variazione 2013-2014 delle esportazioni nelle regioni italiane
Variazione 2013-2014 delle esportazioni nelle regioni italiane

Le principali destinazioni dell’export ligure all’interno del mercato europeo, in calo del 3,4%, sono la Francia, verso cui sono stati venduti prodotti per 724 milioni di euro (+1%) e che rappresenta il 10% dell’export regionale, e la Germania, con oltre 588 milioni di merce esportata (in calo del -2,8%). Al terzo posto la Spagna (+5,7% e un contro valore di 280 milioni).
Tra i mercati extra-Ue il volume maggiore di vendite è stato verso il Nord Africa: in Algeria (+36,4%), l’export è sostenuto principalmente dalla vendita di navi e macchinari, mentre in Tunisia (+209,6%) le esportazioni sono tenute in alto grazie ai prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (+146,3%). In ripresa le vendite negli Stati Uniti (+5,5%), il cui contributo all’export totale è pari al 3,7%.

Tra le province che nel 2014 hanno fornito il contributo più importante alla crescita dell’export regionale, il capoluogo ligure è al primo posto con un +18,5% che sale a +31,6% se si considerano esclusivamente le vendite verso i paesi extra-UE. A sostenere le vendite all’estero è, ancora una volta, il settore manifatturiero, con un +21,2%: in particolare, le macchine di impiego generale (+23,1% l’export complessivo, +143,2% quello extra-Ue) e le navi-imbarcazioni (+995,9% l’export complessivo, +1.126% quello extra-Ue).
Cresce l’export genovese verso i Paesi extra-Ue (+31,6%), in particolare verso l’Algeria (+33,4%), primo Paese nella graduatoria complessiva provinciale, verso cui il capoluogo ligure ha esportato principalmente navi e imbarcazioni. Seguono Tunisia (+253,3%), grazie alla vendita di prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio, ed Egitto (+3,6%). Le vendite verso l’area Ue subiscono un decremento del 5,8%: le prime tre destinazioni comunitarie risultano Germania (-3,6%), Francia (-19,4%) e Spagna (-2%).

Anche l’estremo Ponente registra un aumento complessivo dell’export, pari al 6,4%, attribuibile in larga parte alle vendite verso i paesi extra-Ue (+25,7%) rispetto all’area comunitaria (+0,8%): in crescita i prodotti delle attività manifatturiere (+13,4%), buono l’andamento per il settore alimentare (+5,4%), particolarmente verso i Paesi europei (+9,8%).
Per ciò che riguarda le destinazioni, restano ferme le vendite verso i Paesi comunitari (+0,8%): in Francia, primo nella graduatoria imperiese, il valore dell’export è cresciuto dell’1%. Seguono Germania (-8,4%) e Paesi Bassi (+2,5%). In aumento l’export verso l’area extra-Ue (+25,7%), in particolar modo verso la Cina per vendite di medicinali (+43,6%) e verso le Isole Cayman, esclusivamente per la vendita di navi e imbarcazioni.

In provincia di Savona l’export ha segnato un +4,9%: le vendite verso l’area extraeuropea sono aumentate del 18,4% mentre quelle verso i Paesi dell’Ue sono diminuite dell’1,7%. I prodotti chimici si confermano la voce principale dell’export provinciale, con un incremento del 13,3% e una quota di oltre 700 milioni di euro (più del 50% destinati ai Paesi extra-Ue con un incremento del 35,7% a fronte di un calo del 3,2% verso l’area comunitaria). Tra i Paesi dell’area comunitaria torna a salire l’export verso la Francia (+4,1%) mentre subisce un calo verso la Germania (-5,2%) a causa soprattutto di una minore vendita di prodotti chimici, principale prodotto esportato nel mercato tedesco; in aumento l’export verso la Spagna (+12,5%).
Sul fronte extraeuropeo, l’export savonese è cresciuto del 18,4%, fortemente influenzato dalla vendita di prodotti chimici. Si registra una forte espansione (+33%) verso gli Stati Uniti: l’80% delle vendite è costituito da prodotti chimici, le cui vendite sono aumentate del 32%. Positivo anche l’andamento dei prodotti alimentari, +20,6%. Al secondo posta la Cina (oltre il 50% delle vendite è costituito da prodotti chimici in crescita del 23,7%) seguita da Singapore.

Lo spezzino registra infine una contrazione complessiva dell’export pari al 13,3%: calano le vendite sia verso i Paesi extra-Ue (-16,4%) sia verso quelli comunitari (-2,9%). Un calo fortemente influenzato dalla vendita di navi e imbarcazioni (-33,8% area extra-Ue, -67,6% area Ue). L’export spezzino nel 2014 si è indirizzato in particolare verso il mercato francese (+183,3%) grazie soprattutto alla vendita di metalli, seguito dagli Emirati Arabi, in calo dell’80,4% (nel 2013 c’era stata una straordinaria vendita di armi e navi).
Il quarto posto del Congo nella graduatoria provinciale si spiega con una vendita di navi e imbarcazioni per un valore di oltre 55 miliardi di euro.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.