Nuove tutele di prevenzione e protezione per le dottoresse mamme che svolgono il servizio di guardia medica. Sono state decise dalla giunta regionale su proposta dell’assessore alla salute Claudio Montaldo, approvando l’accordo con i medici di medicina generale e le loro organizzazioni sindacali, per andare incontro alle esigenze delle lavoratrici donne incinte. Le nuove norme entrano subito in vigore e prevedono, una volta comunicato lo stato di gravidanza, l’assegnazione della dottoressa a mansioni prive di rischio per lei e per il bambino, mantenendo l’inquadramento giuridico e lo stesso stipendio. In base alle nuove tutele previste non verranno dunque impiegate in orari notturni e in interventi in auto e verranno mantenute in attività operative all’interno dell’azienda. Sarà la Asl di competenza a individuare le nuove mansioni utili e non rischiose per la donna medico. «Si tratta di un primo passo – ha spiegato Montaldo – all’interno di un quadro normativo complessivo, in vista di un miglioramento del contratto di guardia medica che dovranno essere portato avanti a livello nazionale, per equiparare le tutele della maternità delle dottoresse di guardia medica con quelle di altre categorie di lavoratrici».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.