La delocalizzazione come intervento prioritario di mitigazione del rischio. È la proposta lanciata da Legambiente Liguria, da Ance Giovani Genova, dall’Ordine dei geologi della Liguria e da quello degli architetti della provincia di Genova. In attesa delle opere che ridurrebbero la possibilità di trovarsi sott’acqua a causa delle piene dei torrenti viene proposto al Comune di Genova un tavolo di lavoro che possa affrontare questo tema delicato. «Non vogliamo far trasferire mezza Genova – dice il presidente di Legambiente Liguria Santo Grammatico – ma stimolare una riflessione che sta trovando l’accordo di tante realtà diverse, tenendo conto che anche la struttura di missione Italia Sicura ha previsto questa possibilità come vincolante per assegnare i fondi». «Perché – aggiunge Michele Torsello di Italia Sicura – è anche economicamente più conveniente rispetto agli interventi continui di riparazione e di inutili e fragili difese che aumentano i rischi. Delocalizzare annulla il pericolo, recupera aree per la laminazione, permette il recupero naturalistico e riduce i costi economici a lungo termine a fronte di una spesa iniziale che potrebbe anche essere maggiore».

In Liguria dal 1948 al 2011 si sono verificate 15 calamità che hanno provocato frane e alluvioni. Negli ultimi 10 anni la frequenza è aumentata. La quantità di pioggia in questi eventi corrisponde a un terzo o – a volte – alla metà delle precipitazioni medie annue della regione. L’evento del 2011 in Liguria (ottobre e novembre) ha registrato una quantità di pioggia di oltre il 65% della media annua (542 mm). Nell’ultimo triennio i fondi stanziati dalla Protezione Civile per la Liguria sono stati 140 milioni su una stima di danni molto superiore. Solo per i due eventi del 2011 la stima dei danni ammontava a 730 milioni, a fronte di 66,9 milioni di risorse stanziate da ordinanze della Protezione civile, di 18 milioni dal Fondo di solidarietà dell’Ue, di 30 milioni dal Programma operativo regionale e di 5 milioni del Cipe.

Con la struttura di missione Italia Sicura lo Stato italiano dovrebbe tornare a dedicare risorse alla prevenzione: negli ultimi 10 anni su 40 miliardi previsti, ne sono stati erogati solo 2 per tutta l’Italia. Per la Liguria il numero di lavori di primaria urgenza dal 1999 al 2011 è di 115, l’importo stanziato di 115 milioni (elaborazione Legambiente su banca dati RenDis).

A partire dal 2010 il ministero dell’Ambiente ha inoltre firmato degli accordi di programma con le varie Regioni per altri interventi: la Liguria (se si esclude il Trentino che figura a 0), ha un solo intervento previsto, quello sul Bisagno (35,7 milioni), anche se poi è stato modificato nel 2013 con altri interventi nello spezzino (3,1 milioni). Risorse che sembrano minime rispetto ai 224 milioni per la Lombardia, 220 per Campania e Calabria e i 210 per la Puglia. Lo stato di avanzamento dei lavori mette ancora più in evidenza la lentezza della macchina della prevenzione: la Liguria è una delle quattro regioni ad aver almeno aggiudicato i lavori (con i ritardi che sappiamo). In tutta Italia sono solo 12 i lavori ultimati su 1650, 47 quelli in esecuzione, 38 quelli aggiudicati.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.