Calo dell’occupazione, diminuzione della domanda interna e ristagno delle vendite delle imprese industriali. Reggono export e turismo. Ecco quanto emerge dal quadro economico ligure presentato questa mattina nella sede genovese di Banca d’Italia: «Un’economia che per ripartire deve fare leva soprattutto sulla domanda interna, sia di consumi, sia di investimenti – afferma Mario Venturi, direttore della sede genovese – Non si è ancora riattivata a sufficienza la domanda di credito, diminuito alle imprese e alle famiglie, ed entrambe faticano a restituire i prestiti concessi, con sofferenze in continuo aumento».
In un contesto nel complesso negativo, reggono le esportazioni(+1%), leggermente salite nel primo semestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2013: il calo dei prodotti petroliferi e della cantieristica navale (al netto dei quali l’export ligure avrebbe segnato un +8%), caratterizzati da un pesante -30%, è stato compensato dall’aumento dei macchinari e apparecchi elettrici, meccanici e prodotti chimici. Vendite che hanno comunque segnato una crescita all’estero solo in determinati Paesi: quelli nordafricani e dell’America centromeridionale in primis, con punte del +14,3% e del +50%, mentre sono scese le esportazioni nei Paesi Ue e del Medio Oriente. Importazioni, soprattutto a causa del calo della domanda interna, scese del 15,8%.
Segnali preoccupanti dal settore delle costruzioni, che, secondo Assedil-Ance, continua a registrare un calo delle attività e degli investimenti. Meglio il mercato immobiliare: le compravendite crescono del 5,9%, aumento sul quale potrebbero aver influito la diminuzione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, in vigore da quest’anno sull’acquisto della prima casa. Imprese in diminuzione dell’1,2%: secondo gli ultimi dati Infocamere-Movimprese, sono attive 138.444 realtà commerciali contro le oltre 140 mila del 2013. Qualche dato positivo arriva dai trasporti e dal turismo: nei primi sei mesi del 2014 il traffico mercantile cresce dello 0,9%, mentre il movimento container segna un +5,4%, riflettendo la crescita di tutti gli scali liguri: «I nostri porti – spiega Alessandro Fabbrini, dell’ufficio Analisi e ricerca di Banca d’Italia Genova – hanno raggiunto le stesse performance di quelli occidentali, come quelli spagnoli, e addirittura superato gli scali del Nord Europa. In crescita del 5,8% anche il numero dei passeggeri». Diminuisce invece il traffico passeggeri al Cristoforo Colombo di Genova (-6,6%).
Una boccata d’ossigeno arriva dall’andamento del turismo in Liguria, positivo dell’1,9%: gli ultimi dati parlano di un’inversione di tendenza rispetto alla situazione degli ultimi anni e questa volta a crescere sono le presenze degli italiani (+3,5%), contro il -1% degli stranieri. Arrivi in crescita del 6,6%.
La nota più dolente resta il mercato del lavoro: gli occupati liguri si riducono del 2,7% e scendono al di sotto delle 600 mila unità. Calo più intenso rispetto al resto del Paese (-0,5%) e che coinvolge soprattutto la componente indipendente (-7%) su quella indipendente (-1,5%). Il tasso di occupazione regionale raggiunge quindi un nuovo minimo, pari al 60%. Una maggiore tenuta dell’occupazione dipendente è confermata anche dai dati relativi alle assunzioni, cresciute del 2,3% rispetto al 2013, a eccezione di quelle nel settore edile (-2,1%). Ridotti anche gli avviamenti al lavoro per i giovani (-1,2%) e per gli stranieri (-10,9%). La disoccupazione, in crescita dello 0,7% rispetto allo scorso semestre, ha toccato quota 11%.
In diminuzione le ore di cassa integrazione guadagni (-15% rispetto al 2013): «Il calo della Cig – spiega Fabbrini – è in parte dovuto alla chiusura dell’attività di alcune imprese destinatarie di cassa. La diminuzione delle ore della componente ordinaria è invece dovuta a una traslazione verso la  cassa straordinaria, dovuta al fatto che molte situazioni di crisi momentanea si sono trasformate in vere e proprie crisi strutturali dell’azienda».
Diminuiscono, infine, i prestiti alle imprese, mentre tengono maggiormente quelli alle famiglie «anche grazie a una ripresa del mercato dei mutui, dovuta a un calo dei tassi di interesse», precisa Fabbrini. Il credito alle imprese scende del 3,6%, più contenuto rispetto a quello registrato a fine 2013 (-5,8%), grazie all’effetto di una riduzione meno accentuata dei prestiti al comparto manifatturiero. Verso le famiglie, i prestiti sono diminuiti dell’1,4%. Ma pesano anche le difficoltà generali nel rimborso del credito ricevuto. Difficoltà che coinvolgono famiglie e imprese, con sofferenze rispettivamente in aumento dell’1,2% e del 4,4%.
Per la prima volta dalla metà del 2011, i conti correnti sono cresciuti del 6,4%, un ritmo superiore rispetto al 4% registrato dai depositi. «La dinamica dei conti correnti – conclude Fabbrini – ha ormai superato quella delle fonti vincolate. Una situazione che non è comunque sinonimo di ricchezza finanziaria delle famiglie: l’espansione dei conti correnti è dovuta al fatto che il rendimento delle opzioni di vincolo è ormai a livelli molto bassi e perciò la liquidità viene preferita ai guadagni portati dai tassi d’interesse».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.