La conferenza annuale dell’Euac, l’organismo che riunisce i curatori degli acquari d’Europa, si riunisce per la prima volta a Genova. Questo pomeriggio, l’apertura dei lavori all’Acquario di Genova: oltre 120 partecipanti, tra curatori e staff scientifici, provenienti da tutta Europa si confronteranno, da oggi fino al 22 novembre, sulle problematiche della gestione di strutture complesse, proprio come gli acquari, si scambieranno informazioni, dati scientifici e protocolli di gestione per il benessere e la cura degli animali ospitati. «Come Costa Edutainment – commenta Beppe Costa, presidente della società – riteniamo che questo evento possa contribuire a a promuovere l’immagine di Genova e di una delle sue strutture turistiche portanti, come l’acquario, in Italia e all’estero. Non è la prima volta che una delle nostre strutture ospita eventi di questo rilievo, come dimostra la riunione della rete dei musei delle migrazioni che si è svolta al Galata Museo del Mare a inizio ottobre. Ci auguriamo di poter diventare sempre più punto di riferimento della comunità scientifica italiana ed europea».
Il programma dell’incontro si focalizzerà su alcuni temi tecnici, come la riproduzione e la gestione di specie a rischio di estinzione, i progetti di reinserimento in natura di alcune specie, lo studio di nuove cure veterinarie o regimi alimentari dedicati alle diverse specie acquatiche. La conferenza sarà anche l’occasione per approfondire temi di più ampio respiro sui quali da tempo la comunità scientifica si sta interrogando: si tratta del ruolo degli acquari e dei giardini zoologici nella conservazione delle risorse naturali, la gestione sostenibile di questo tipo di strutture, la scelta delle specie animali da ospitare in relazione all’efficacia educativa, l’azione imprescindibile di divulgazione ed educazione del pubblico, con particolare riferimento alle giovani generazioni.
Nato nel 1972, l’Euac conta oggi circa 70 milioni di visitatori all’anno per 120 strutture in 21 Paesi, impegnate nella gestione in ambiente controllato di centinaia di specie acquatiche esposte al largo pubblico in un’importante opera di divulgazione delle attività di conservazione.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.