A 10 giorni dall’alluvione, a Borgo Incrociati è tornato il bel tempo mentre i commercianti continuano a pulire le loro botteghe e i loro negozi.

È ancora forte l’odore del fango che ha travolto la storica via dietro la stazione Brignole, ma fra i commercianti c’è chi non si perde d’animo e progetta la riapertura della propria attività.

È il caso di Ciro Palermo e di Alice Vettorato, proprietari di Ciro Pizza, che proprio durante questo sabato di sole sono riusciti a far ripartire il forno: «Stiamo cercando di capire da dove possiamo cominciare – spiega Alice Vettorato – dobbiamo ricostruire una parete che è stata abbattuta dall’ondata di giovedì notte e, una volta pulito tutto, dovremo ricomprare gli arredi e la maggior parte degli strumenti che in questo momento sono inutilizzabili».

Dentro la pizzeria è rimasto il segno dell’alluvione del 2011, quando l’acqua aveva raggiunto un metro d’altezza, ma ancora più impressionante è guardare il livello che ha toccato quest’anno.

«Dopo il 2011 – dice Vettorato – abbiamo comprato un frigo con il motore in alto, ma non è bastato. Quando siamo rientrati in pizzeria, infatti, ci siamo resi conto che la forza dell’acqua lo aveva abbattuto e aveva sommerso completamente il locale».

Su una cosa sola concordano tutti i commercianti del borgo, ovvero sul risarcimento immediato da parte del Comune: «Io personalmente – racconta Ciro Palermo – non ho i soldi per riaprire l’attività da solo e non ho intenzione di fare un finanziamento perché chi lo ha fatto nel 2011, come per esempio l’osteria Pacetti, deve ancora finire di pagare i debiti che ha contratto per poter ripartire».

I proprietari dell’Antichità Lagorio, invece, chiedono con forza un intervento tempestivo da parte degli enti pubblici che si occupano dell’alluvione: «Siamo stanchi e senza più un soldo – si sfoga Anna Lagorio – abbiamo dei bambini piccoli e siamo rimasti senza lavoro. I tempi si devono accorciare, ci devono dare subito i soldi per ripartire, altrimenti noi possiamo solo abbassare la saracinesca».

[envira-gallery id=”31414″]

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.