Alluvione, ecco cosa fare per certificare i danni

Alluvione, ecco cosa fare per certificare i danni

La Direzione regionale della Liguria ha fornito alcune indicazioni per aiutare i commercianti colpiti dall’alluvione del 9-10 ottobre. Chi avesse perso beni o merci può presentare alla Camera di Commercio di Genova il modello E sulla quantificazione del danno. In alternativa è possibile redigere una dichiarazione sostitutiva di notorietà (autocertificazione) entro trenta giorni dall’evento o dal momento in cui se ne è venuti a conoscenza. Questo documento non dovrà essere inviato all’Agenzia delle Entrate, ma esibito su richiesta agli organi di controllo dell’Amministrazione finanziaria, assieme a una copia del della carta d’identità. L’autocertificazione dovrà contenere l’indicazione del valore complessivo dei beni perduti.

Se invece durante l’alluvione fosse andata persa o distrutta della documentazione contabile, sarà necessario presentare una denuncia in cui risulti che il materiale si trovava nell’immobile che ha subito l’inondazione. Il commerciante dovrà comunque ricostruire, per quanto possibile, i dati contenuti negli archivi mancanti. Le aziende che utilizzano supporti informatici dovranno semplicemente ristampare i registri distrutti. Se la perdita dovesse riguardare anche le fatture, l’esercente dovrà contattare i propri interlocutori (clienti, fornitori, banche) per reperire le copie necessarie.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.