Anche le coltivazioni e le infrastrutture agricole del Comune di Genova e di quelli limitrofi hanno subito gravi danni a causa del maltempo. Per questo Coldiretti Genova, rivolgendosi al presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, all’assessore regionale all’Agricoltura Giovanni Barbagallo, all’assessore regionale alle Infrastrutture Raffaella Paita, e al sindaco e al prefetto di Genova, Marco Doria e Fiamma Spena, chiede l’attivazione dello stato di emergenza. «Siamo di fronte a una situazione – spiega Domenico Pautasso, direttore di Coldiretti Genova – in cui è paradossalmente “più semplice” intervenire dopo i disastri, piuttosto che attuare le necessarie misure preventive: stranamente le risorse finanziare sono subito disponibili per le somme urgenze, ma per gli interventi di prevenzione e messa in sicurezza è necessario superare mille ostacoli e lungaggini burocratiche. A tre anni dall’ultima alluvione, dopo un continuo rimpallo di responsabilità tra autorità competenti e la mancanza di inequivocabile chiarezza di ruoli e competenze, di certo non di aiuto alla nostra città, Genova e molti Comuni della Liguria si trovano di nuovo di fronte a un dramma pesantissimo. Un dramma che colpisce i singoli cittadini, il commercio, il manifatturiero, ma anche l’agricoltura, provocando inevitabili danni a settori economici già falcidiati dalla crisi e strozzati dalle tasse. In questi tre anni non sono state attuate sufficienti misure di prevenzione e di messa in sicurezza dei torrenti e delle aree allagabili, ma non solo: i danni che oggi Genova e la Liguria subiscono sono anche frutto di una serie di interventi strutturali poco sensati sul territorio. Interventi che si sono susseguiti nel corso degli anni e che hanno contribuito a rendere sempre più fragili le nostre terre».

L’alluvione che ha colpito Genova è un’ulteriore conferma alla pericolosità dei cambiamenti climatici che si manifestano con eventi estremi, mettendo a dura prova la capacità di assorbimento dei terreni e favorendo quindi esondazioni e allagamenti. Un pericolo che riguarda la nostra regione e l’intera penisola, dove sono ben 6.633 i Comuni con aree a rischio idrogeologico (l’82% del totale), con oltre 5 milioni di cittadini che ogni giorno vivono o lavorano in aree considerate pericolose per frane e alluvioni. Solo in Liguria il 46% degli abitanti vive in aree inondabili. Le piogge si abbattono su un terreno reso più fragile non solo dalla cementificazione e dell’abbandono delle aree marginali, ma anche della mancanza di una programmazione adeguata che valorizzi il ruolo di chi vive e lavora sul territorio come gli agricoltori: negli ultimi vent’anni un modello di sviluppo sbagliato ha tagliato il 15% delle campagne, circa 2 milioni di ettari di terra coltivata determinante nel mitigare il rischio idrogeologico. Ettari che hanno invece lasciato il posto al cemento.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.