Il Comune di Genova, nella prima metà del 2013, ha aumentato del 50% le presenze turistiche rispetto agli stessi mesi dell’anno passato. 680 mila sono i visitatori, italiani e stranieri, che tra gennaio a giugno hanno soggiornato nel capoluogo ligure. «Le presenze turistiche – specifica l’assessore alla Cultura e al turismo del Comune di GenovaCarla Sibilla – vengono conteggiate sommando solo il numero dei pernottamenti nelle strutture alberghiere senza considerare le visite in giornata ». Per avere un numero complessivo dei turisti a Genova quest’anno, alle circa 700 mila presenze turistiche va aggiunto 1 milione di crocieristi che hanno fatto scalo nel capoluogo ligure e sommato il numero dei cosiddetti “dayvisitors”, non ancora stimato, e che secondo l’assessore al Turismo del Comune di Genova è molto alto. «Il 2013, fino a oggi – dice Sibilla – è stato un anno positivo per il turismo a Genova».

Carla Sibilla
Carla Sibilla

Passati i mesi invernali di gennaio e febbraio in cui i turisti hanno esitato a far visita a Genova, in primavera è aumentato il numero dei viaggiatori stranieri del 15% rispetto al 2012, mentre quello degli italiani è rimasto in linea. Nei mesi estivi è stato registrato un incremento dei turisti italiani e non dell’8% rispetto agli stessi mesi dell’anno passato. I numeri in crescita sono il frutto di un lungo lavoro portato avanti dal Comune per sponsorizzare la città a livello artistico, culturale e scientifico.

«Abbiamo voluto dare risalto a tutto il valore della nostra città – dice l’assessore – sia dal punto di vista culturale, mettendo in luce le bellezze del centro storico che sono patrimonio dell’Unesco e pubblicizzando i musei, sia dal punto di vista scientifico promuovendo le attrattive più moderne come quelle del Waterfront del Porto Antico e quelle offerte dal Festival della Scienza e dall’Acquario».

Il Comune di Genova per valorizzare il proprio tesoro artistico ha raddoppiato, rispetto agli anni passati, l’evento “Rolli’s days”. Quattro giornate, due a maggio e due a settembre, in cui i Palazzi dei Rolli (patrimonio dell’Unesco) hanno aperto le porte ai turisti e ai cittadini e si sono trasformati in spazi espositivi per l’arte e lo spettacolo. « È stata un’occasione per portare la città di Genova su uno scenario internazionale – racconta Sibilla – ma non l’unica». Il 9 ottobre scorso il Comune di Genova ha firmato un protocollo di gemellaggio con la municipalità dello storico quartiere di Istanbul fondato dai genovesi, Beyoglu. Quello tra Genova e il quartiere turco, è un legame che va avanti da centinaia di anni: cominciato nel 1348, quando i genovesi eressero la “Torre di Galata”, si è rafforzato nel 2007 con la firma del protocollo di amicizia e promozione congiunta. Si è consolidato quest’anno grazie anche alla sinergia con la compagnia aerea Turkish Airlines che da oltre 2 anni propone un collegamento diretto tra le città. Grazie a questa collaborazione sono anche stati organizzati importanti eventi promozionali che hanno aumentato il numero dei turisti a Genova e incrementato gli scambi culturali tra le due antiche città. Un’altra iniziativa promozionale che il Comune di Genova ha sviluppato quest’anno è stato il restyling del sito www.visitgenoa.it dedicato esclusivamente al turismo. «È uno strumento all’avanguardia, emozionale e d’impatto – dice Sibilla – ogni turista può selezionare e personalizzare gli itinerari che vuole svolgere a Genova e può condividerli sui diversi social network». Il sito è fruibile in quattro lingue oltre all’italiano (inglese, francese, tedesco e spagnolo) e offre ai visitatori la possibilità di scaricare gratuitamente le guide della città. Il Comune, per incrementare la strategia di promozione del capoluogo ligure, ha da poco lanciato anche l’app della guida ufficiale di Genova in due lingue diverse.

 

Turisti in coda per salire sul Bigo a Genova
Turisti in coda per salire sul Bigo a Genova

Il progetto di sponsorizzazioni a livello internazionale della città di Genova, portato avanti dal Comune, ha aumentato il numero dei visitatori stranieri rispetto al 2012. I francesi, che negli ultimi anni sono i turisti stranieri a Genova più numerosi, sono cresciuti del 9%, i tedeschi del 10% e gli americani dell’11%. I visitatori russi sono raddoppiati e i turchi aumentati del 67% grazie anche ai nuovi voli che collegano Genova con Istanbul e Mosca. Secondo i dati dell’Aeroporto di Genova i passeggeri provenienti da Mosca e Istanbul, dall’1 gennaio al 30 settembre 2013, sono stati 62 mila, mentre nel 2012 nello stesso periodo dell’anno, erano 46 mila e 200. Si calcola, dunque, un incremento di circa il 35%. In crescita anche il numero delle presenze nei musei genovesi, i più ambiti sono stati i musei di Strada nuova che da marzo a settembre 2013 hanno contato 69 mila visitatori, il 60% in più rispetto agli stessi mesi dell’anno scorso.

«Un altro progetto molto importante per il rilancio della città – spiega l’assessore – è stato il nuovo padiglione dei Cetacei dell’Acquario inaugurato i primi di agosto». Secondo i dati del Comune i turisti non si sono limitati a visitare l’Acquario e la nuova vasca dei delfini ma hanno apprezzato anche le bellezze racchiuse al museo di Storia Naturale, che da marzo a agosto ha contato circa 16 mila presenze, il Museo di Sant’Agostino che ha ospitato 13 mila visitatori e il museo del Ponente che ha accolto circa 12 mila viaggiatori. «Il turista che viene a Genova – dice Sibilla – è una persona che ama anche l’arte e la cultura». A beneficiare della crescita delle presenze turistiche sono state anche le strutture alberghiere: la maggior parte dei visitatori, nel 2013, ha scelto per il pernottamento un albergo a 3 o 4 stelle, in aumento anche le prenotazioni nei bed & breakfast. Il numero dei turisti quest’anno è stato molto alto anche durante il periodo del Salone Nautico, nonostante la nuova formula ridotta. Secondo Ucina e la Fiera di Genova gli appassionati al settore della nautica che hanno fatto visita a Genova sono stati 115 mila, e 750 gli espositori. «Per i visitatori del Salone Nautico – spiega Sibilla – abbiamo predisposto un biglietto, chiamato Enjoy Genova Pass, che comprende buoni sconto per realtà culturali e commerciali da sfruttare entro fine ottobre o nel mese di dicembre».

Chi vorrà potrà tornare a Genova, dall’1 al 29 dicembre, contando anche su una riduzione tra il 10 e il 15% del costo degli alberghi. Al progetto, ideato dal Comune in collaborazione con la Fiera di Genova, Ucina e Camera di Commercio, hanno aderito oltre 250 fra negozi, bar e ristoranti, dal centro di Genova fino al Tigullio. Fino a oggi le categorie che hanno risposto meglio sono l’abbigliamento, gli ottici e i profumieri, oltre ai bar, ai ristoranti, alle gelaterie, e a alcuni mercati coperti. «Grazie a Enjoy Genoa Pass – dice Sibilla –chi non ha avuto la possibilità di visitare Genova durante i giorni del Salone Nautico, può essere ancora più incentivato a farlo».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.