Presentazione del libro “La periferia nuova. Disuguaglianza, spazi, città”

    Quando:
    4 dicembre 2018 17:00@17:00–18:30 Europe/Rome Fuso orario
    2018-12-04T17:00:00+01:00
    2018-12-04T18:30:00+01:00
    Dove:
    Dipartimento di Scienze della Formazione, Università di Genova
    Corso Podestà 2
    Genova
    Costo:
    Gratuito

    Agostino Petrillo, professore del dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico di Milano, presenta il volume “La periferia nuova. Disuguaglianza, spazi, città“, edito da FrancoAngeli, Milano. L’incontro, moderato dal professor Mauro Palumbo dell’Università di Genova,è organizzato dall’Osservatorio delle Disuguaglianze sociali del Dipartimento di Scienze della Formazione, dal Centro Studi “Genova che Osa” e dal Centro Studi “Danilo Ravera”.

    La periferia oggi suscita inquietudine, viene spesso proposta dai media come violenta e pericolosa, brodo di coltura dei populismi, ma se ne discute per lo più in termini troppo generali, per non dire generici. L’idea che anima il libro è che esista una periferia nuova, ancora in buona parte inesplorata, e non riducibile unicamente a una situazione spaziale.

    Oggi la periferia non solo cresce, acquisendo dimensioni inedite rispetto al passato, ma assedia il centro, vi sono centralità che divengono socialmente periferiche, infiltrazioni, contaminazioni. Se nel volume precedentemente dedicato al tema, “Peripherein: pensare diversamente la periferia”, l’evidenza era posta sui limiti delle concezioni consolidate riguardo le periferie, in questo nuovo testo l’autore opera un approfondimento che ha lo scopo di delineare più chiaramente i contorni della nebulosa definita periferia nuova. A tal fine vengono mobilitati saperi che non sono unicamente quelli della sociologia urbana, ma anche conoscenze di tipo geografico, storico, economico e filosofico. Ne emerge un quadro in cui la disuguaglianza sociale crescente diviene una chiave di lettura delle trasformazioni più complessive che attraversano e travagliano la periferia. Nel patchwork senz’arte che le periferie contemporanee disegnano e nei processi di periferizzazione in atto rischia di smarrirsi il senso della città e dell’urbano come eravamo abituati a concepirlo.

    LASCIA UNA RISPOSTA

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.