La nuova via della seta: un’opportunità di sviluppo per Genova e per l’Italia

    Quando:
    13 giugno 2019 09:00@09:00–14 giugno 2019 17:30@17:30 Europe/Rome Fuso orario
    2019-06-13T09:00:00+02:00
    2019-06-14T17:30:00+02:00
    Dove:
    Palazzo San Giorgio e sala del consiglio dell’Ordine degli Avvocati
    piazza della Mercanzia e piazza Portoria 1
    Costo:
    Gratuito
    Contatto:
    Confassociazioni Liguria

    Doppio appuntamento, il 13 e 14 giugno per fare il punto sul progetto “Belt and Road Initiative” a cura di Confassociazioni Liguria. Si tratta del primo evento di una serie che proseguirà il 18 luglio con un’assise degli stakeholder industriali pubblici e privati per discutere progetti sinergici e di cooperazione finanziaria e industrial e il 17 settembre un simposio in cui far dialogare istituzioni e cittadini per far intendere meglio le opportunità della “nuova via della seta”.

    Il convegno pubblico del 13 giugno si svolgerà a Palazzo San Giorgio, sala del Capitano, in piazza della Mercanzia 2, dalle 9 alle 13. Sarà il presidente di Confassociazioni Liguria Eugenio Novario ad aprire i lavori. Saranno protagoniste anche le autorità istituzionali, tra cui l’assessore Regionale alla viabilità e Turismo Gianni Berrino e Paolo Emilio Signorini presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale; Lucio Caracciolo, direttore della rivista geopolitica Limes, attori del progetto come Ernest Sultanov presidente del Mir iniziative e fondatore del Silk Road Cities Forum e grandi player del settore come Mario Virano direttore generale di Telt ed Eugenio Muzio a.d. Combitec.

    Parteciperanno, tra gli altri, Alberto Bradanini, già Ambasciatore in Iran e in Cina, Paolo Piacenza, dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale – Ports of Genoa, Ida Cappelletti di Confindustria Piemonte, già operational manager di Transpadana, Carlo Frappi dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, Enrico Molinari Martinelli, portavoce del presidente di Confassociazioni e Angelo Deiana il presidente di Confassociazioni al quale sono affidate le conclusioni finali.

    Il 14 giugno ci si sposta nella sede del consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Genova nel palazzo di giustizia di piazza Portoria 1, dalle 15 alle 17.30, gli esponenti delle professioni legali e dell’Università si confronteranno per approfondire le tematiche relative al regulatory approach alla New Silk Road. Il tema appare di fondamentale rilevanza: le fonti normative di diritto pubblico e commerciale internazionale saranno fondamentali per un’equa e condivisa realizzazione del progetto.

    Spiega il presidente di Confassociazioni Liguria Eugenio Novario: «Il progetto Belt and Road Initiative coinvolge 70 nazioni, più della metà della popolazione mondiale con il 63% per circa 4,4 miliardi di persone; 3/4 delle riserve energetiche; 1/3 del PIL globale ossia 23.000 miliardi di US$; 900 progetti di nuove infrastrutture, per quasi 1.000 miliardi di investimenti ovvero 12 volte, a prezzi costanti, l’importo del noto piano Marshall che ausiliò e ricostruire l’economia europea dopo la seconda guerra mondiale. Ma il progetto Belt & Road Initiative, visto con occhi euro occidentali, non può essere considerato solo come un esame di dati macroeconomici oppure essere ridotto a un grafico che proietti i futuribili interscambi commerciali, ma esso è estremamente rilevante, anche e soprattutto, nell’ambito geopolitico, di regolamentazione normativa e di comunicazione verso la cittadinanza e i territori».

     

     

    LASCIA UNA RISPOSTA

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.