Garantire la sicurezza alle grandi aziende prevenendo e contrastando i crimini informatici sui sistemi informativi, tramite l’adozione condivisa di procedure di intervento, lo scambio di informazioni e la programmazione di incontri formativi. Questo lo scopo dell’accordo siglato oggi nella sede della Questura di Genova da Polizia postale e Ansaldo Energia.

L’intesa, che consolida la crescente sinergia tra le due realtà, è stata firmata da Tiziana Pagnozzi, dirigente del compartimento Polizia postale e delle comunicazioni per la Liguria, e da Luca Luigi Manuelli, chief digital officer and svp quality, it and process improvement di Ansaldo Energia, alla presenza del questore di Genova Vincenzo Ciarambino e del ceo di Ansaldo Energia Giuseppe Zampini.

Avvalendosi di tecnologie di elevato livello e personale altamente qualificato, specializzato nel contrasto al cyber crime, la Polizia Postale mette a disposizione la propria esperienza a tutela di infrastrutture critiche, enti, aziende che gestiscono dati sensibili, per prevenirne la sottrazione di informazioni, a seguito di attacchi informatici. Ansaldo Energia, come fornitore di prodotti e servizi chiavi in mano per gli operatori elettrici, rappresenta un punto di osservazione privilegiato per la resilienza di infrastrutture critiche.

Non a caso, sono migliaia gli attacchi tentati ogni giorno contro l’azienda: dai tentativi di sabotaggio alle turbine, al furto di mail e informazioni di proprietà intellettuale, fino al phishing da finti fornitori che si fanno pagare centinaia di migliaia di euro di prestazioni. «Il furto di informazioni è più pesante del furto di cose − precisa Zampini − perché la sottrazione di informazioni si protrae nel tempo e la perdita economica aumenta».

L’intesa rientra nella recente direttiva europea Nis, per la protezione e resilienza delle infrastrutture critiche: l’attuale situazione generale impone la necessità di rafforzare il sistema di prevenzione e sicurezza dei sistemi informativi di interesse pubblico che gestiscono dati ritenuti sensibili, per prevenire la possibilità di attacchi informatici, anche di matrice terroristica.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.