Sono circa 15 mila in Liguria i giovani caregiver (fino a 18 anni) o giovani adulti caregiver (fino a 25 anni) che rivestono un ruolo significativo nel prendersi cura di un componente della propria famiglia bisognoso di assistenza, con conseguenze che influiscono pesantemente sul loro rendimento scolastico, sulle opportunità lavorative e di inclusione sociale tanto che il 6% dichiara di essere stato vittima di bullismo.

Per sostenere questi ragazzi, rafforzare le loro competenze, individuare percorsi e approcci innovativi anche attraverso la promozione della cultura della cura con laboratori specifici nelle scuole, è stato firmato oggi il protocollo d’intesa tra Regione Liguria, Ufficio Scolastico Regionale, Consulta regionale handicap e Cooperativa sociale Anziani e non solo.

Punto di partenza è la consapevolezza della necessità di condividere competenze, percorsi e approcci innovativi per rafforzare le competenze di cura, e sostenere chi cura, a partire dal Protocollo nazionale firmato fra il Miur e la cooperativa sociale Anziani e non solo.

«Quello di oggi un importante passo avanti − afferma la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale − a sostegno della figura del caregiver e in particolare dei giovani che, anche minorenni, si prendono cura di un familiare, facendosi carico dell’organizzazione delle cure e dell’assistenza con il rischio di trovarsi in una situazione di sofferenza e disagio psicologico. Quando il caregiver è un giovane, ci sono diverse conseguenze anche sul percorso di studi e sulle possibilità di trovare e mantenere un’occupazione. Ed è qui che vogliamo intervenire per non lasciare soli questi ragazzi. Ma non basta: oltre a intercettare chi ha bisogno di sostegno, vogliamo anche agire anche sul fronte dell’informazione e del supporto psicosociale per questi ragazzi che troppo spesso restano invisibili».

Fondamentale è quindi il coinvolgimento delle scuole attraverso l’Ufficio scolastico regionale perché «gli insegnanti possono essere preziose ‘sentinelle’ – sottolinea l’assessore regionale all’Istruzione e Formazione Ilaria Cavo − e riconoscere per primi gli studenti che hanno anche responsabilità di cura, costituendo per loro un punto di riferimento e di orientamento verso i servizi offerti sul territorio e sensibilizzando gli altri docenti e i compagni anche per prevenire fenomeni di emarginazione. Questo approccio consente ai ragazzi di trovare un valido supporto per le responsabilità familiari e, al contempo, li aiuta a non rimanere indietro con gli studi, prevenendo anche in alcuni casi il rischio di abbandono scolastico».

La Liguria è la Regione con il processo di invecchiamento più alto d’Italia e d’Europa: con il suo 28% di anziani sopra i 65 anni, si colloca al primo posto su scala nazionale, ben al di sopra della media ferma al 21,7%. L’invecchiamento della popolazione, con il suo carico di non autosufficienza, di necessità di cura a lungo temine, di intervento in continuità assistenziale a domicilio su pluri-patologie, determina un consistente bisogno di cura. A fronte ai 3 milioni di non autosufficienti, di cui gli anziani sono la grandissima prevalenza e che passeranno in questa condizione mediamente 10/12 anni, la cura è prestata da 7 milioni di familiari 1,5 milioni di assistenti familiari retribuite, 350 mila operatori socio sanitari qualificati, 2 milioni di volontari, oltre al personale socio sanitario dei servizi professionali.

Nell’ambito del progetto europeo ME-WE (supporto psicosociale per la promozione della salute e del benessere dei giovani caregiver adolescenti), è emerso che in Italia si ha una prevalenza di cura realizzata dai giovani caregiver verso i loro nonni, mentre in altri paesi la prevalenza è verso i fratelli o i genitori, affetti da patologie inabilitanti. In ogni caso si conferma come sia a forte rischio anche la loro salute (26% denuncia problemi fisici, il 16% anche problemi di tipo psico emotivo). Spesso sono invisibili: solo il 13% riceve aiuto formale dai servizi.

In Liguria (dati Istat 2017) si stima siano complessivamente 220 mila i caregiver familiari (poco meno del 60% donne), di cui circa 45 mila con un carico di cura superiore alle 20 ore settimanali.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.