A Sanremo, Albenga e Saluzzo tornano gli incontri fitoiatrici organizzati da Agroinnova, il Centro di Competenza per l’Innovazione in campo agroambientale dell’Università di Torino, giunti alla 42esima edizione. Sono realizzati in collaborazione con Irf, Istituto Regionale per la Floricoltura di Sanremo, Cooperativa L’Ortofrutticola di Albenga, Cassa di Risparmio di Saluzzo – Gruppo BPER e Agrion – Fondazione per la ricerca, l’innovazione e lo sviluppo tecnologico dell’agricoltura piemontese.

Gli incontri, rivolti a un pubblico di studenti, agricoltori, tecnici e operatori del settore orto-floricolo, mirano a fornire aggiornamenti sugli sviluppi delle più note e recenti patologie degli organismi vegetali e del loro trattamento in un’ottica innovativa e sostenibile. Nel panel di relatori anche il presidente del centro Agroinnova Angelo Garibaldi e il direttore Maria Lodovica Gullino.

Tema delle tre giornate di studio saranno gli aggiornamenti e approfondimenti fitosanitari in floricoltura (lunedì 23 settembre dalle 9,30 al Floriseum a Sanremo), la Difesa delle colture orticole (venerdì 18 ottobre dalle 16,15, Cooperativa L’Ortofrutticola di Albenga) e la Difesa delle colture ortofrutticole (venerdì 29 novembre dalle 9, Cassa di Risparmio di Saluzzo).

A Sanremo, all’intervento sulle misure di emergenza in atto sul territorio, da parte del servizio fitosanitario della Regione Liguria, seguirà un focus sulle avversità dell’Anemone, pianta ornamentale di notevole impatto economico per il ponente ligure. Il secondo incontro in Liguria vedrà i ricercatori di Agroinnova dibattere sui recenti sviluppi della ricerca nella difesa sostenibile del basilico. L’appuntamento saluzzese, invece, vedrà il susseguirsi di interventi scientifici nel settore orticolo e frutticolo, e culminerà con una tavola rotonda con alcuni dei principali attori del settore frutticolo piemontese.

Fiorenzo Cravetto modererà gli interventi di Roberto Civalleri, Maria Lodovica Gullino, Lorenzo Berra, Ezio Giraudo, Lorenzo Martinengo e Domenico Paschetta.

Gli incontri si inseriscono all’interno di un calendario di eventi di respiro scientifico e divulgativo organizzato da Agroinnova sul tema della salute delle piante, in vista del 2020, proclamato dalle Nazioni Unite International Year of Plant Health, con l’obiettivo di sensibilizzare grandi gruppi di interesse, decisori politici e opinione pubblica sul ruolo determinante delle piante e della loro salute su fenomeni ormai globali come la fame, la povertà, la sicurezza alimentare, l’ambiente e lo sviluppo economico.

Le manifestazioni messe in campo da Agroinnova culmineranno nelle giornate dal 4 al 6 giugno 2020 con un vero e proprio “Festival Plant Health 2020”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.