L’attesa delle decisioni della Federal Reserve, che dovrebbe annunciare un secondo taglio dopo quello di fine luglio, abbassando i tassi di 25 punti base all’1,75-2%, ha ispirato cautela agli operatori. Parigi segna +0,11%, Francoforte +0,14%, Londra -0,09%).

Milano è risultata la migliore in Europa, terminando le contrattazioni con Ftse Italia All Share a 23.899,57 punti (+0,60%) e Ftse Mib a 21.947,70 punti (+0,67%) anche grazie alla riduzione dello spread Btp/Bund, attestato sui 137 punti base (variazione -1,43%, rendimento Btp 10 anni +0,86%, rendimento Bund 10 anni -0,51%) dai 139 pb di ieri sera.

A Piazza Affari crollo di Moncler (-7%), dopo che il ceo Remo Ruffini ha espresso preoccupazione per le tensioni a Hong Kong e prudenza sull’andamento del business nel Sud Est asiatico. Bene la Juventus (+2,32%) in attesa dell’esordio in Champions League di questa sera con la trasferta contro l’Atletico Madrid.

Greggio in ribasso (il Wti a ottobresegna -l’1%, il Brent a novembre -0,7%), con l’Arabia Saudita che si sta impegnando a ristabilire la piena funzionalità delle infrastrutture petrolifere.

Sul fronte dei cambi, l’euro si conferma a 1,106 dollari (1,105 in avvio e alla chiusura di ieri). La divisa europea vale 119,6375 yen (119,64 yen in avvio e 119,5 ieri), mentre il dollaro-yen è a 108,209.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.