Borsa di Milano in calo all’avvio con il Ftse Mib a -0,12% a 21.963 punti. In rialzo bancari e assicurativi a partire da Unipol (+1,25%) e Ubi Banca (+1,1%). Scendono Amplifon (-2,86%) e Atlantia (-1,82%).

Apertura debole anche per le principali Borse europee. Il Cac40 di Parigi cede lo 0,04% a 5.586 punti. Francoforte lascia lo 0,12% con il Dax30 a quota 12.210 punti. Londra segna un -0,43% a 7.207 punti.

Il mercato attende le decisioni di Mario Draghi da presidente della Bce con un possibile Quantitative easing e a un taglio dei tassi, le comunicazioni sono attese per giovedì.
Una mossa quest’ultima che potrebbe essere anche nelle intenzioni dalla Fed.

Nei mercati asiatici Tokyo è in rialzo (+0,35%) grazie al deprezzamento dello yen che favorisce l’export.

Tra i dati macroeconomici previsti oggi la produzione industriale di Francia e Italia, gli indici dei salari e la variazione nella richieste di sussidi di disoccupazione nel Regno Unito.

Il prezzo del petrolio Wti risale sulla soglia dei 58 dollari. Il greggio del Texas scambia a 57,9 (+0,21%) mentre il Brent avanza dello 0,16% a 62,69 dollari.

Nei cambi euro poco mosso all’avvio di giornata dove scambia 1,1043 dollari (-0,04%). In Asia l’ultimo prezzo dello yen contro l’euro è a 118,67, in rialzo rispetto alla chiusura.

Lo spread tra Btp decennale italiano e corrispondente Bund tedesco ha aperto stabile a 155 punti base. Il rendimento è a 0,93%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.