“Regione Liguria è pronta a rescindere il contratto di servizio se quanto avvenuto lo scorso 16 agosto dovesse ripetersi, come peraltro stabilito dallo stesso articolo 27 del contratto”. Lo scrive l’assessore regionale ai Trasporti Gianni Berrino, in una lettera indirizzata questa mattina all’a.d. di Trenitalia Orazio Iacono, al direttore della divisione passeggeri regionale Maria Annunziata Giaconia e al direttore della direzione regionale Liguria Giovanna Braghieri, dopo la soppressione di 23 treni in tutta la Liguria avvenuta il giorno dopo Ferragosto, creando grandi problemi ai lavoratori, ai pendolari e ai turisti in Liguria e un danno di immagine per la regione.

“Quanto accaduto venerdì con la soppressione di 23 treni è inaccettabile – ha riportato Berrino – noi paghiamo il servizio dal 1 gennaio al 31 dicembre, pertanto ogni treno in meno verrà conteggiato e saranno comminate sanzioni che stiamo valutando sulla base di quanto previsto dal contratto di servizio e che saranno applicate entro fine anno a Trenitalia. Tutto questo non sarà certo sufficiente perché il danno, soprattutto di immagine, è stato grave. Ma siamo pronti a prendere in considerazione anche misure estreme, come la rescissione del contratto.” Da qui la lettera che questa mattina l’assessore Berrino ha inviato ai vertici di Trenitalia.

Nel testo della missiva Berrino chiede anche una “relazione dettagliata su quanto accaduto, oltre ad un’attenta indagine interna che deve portare a una riorganizzazione generale nell’interesse dei cittadini. Trenitalia è tenuta a eseguire in modo adeguato tutte le attività necessarie a effettuare i servizi previsti dal programma di esercizio, nel rispetto degli obblighi di servizio e degli standard minimi di qualità previsti dal contratto”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.