La valutazione costi benefici sulla Gronda emessa dal ministero delle Infrastrutture è l’ultimo inutile atto di un governo fallimentare che, per fortuna, non esiste più”. È quanto si legge nella nota del gruppo Pd in Regione Liguria, firmato anche da gruppo Pd Comune di Genova, Pd Liguria e Pd Genova.

“Un governo – prosegue il comunicato – che per più di un anno non ha saputo avviare un’opera che ha già superato tutte le fasi autorizzative, compresa la valutazione di impatto ambientale e che ha ottenuto la dichiarazione di pubblica utilità da parte del ministero delle Infrastrutture. Un immobilismo di cui portano una responsabilità decisiva non solo il ministro Toninelli, ma soprattutto la Lega dell’ex sottosegretario Rixi, che ha anteposto gli equilibri politici agli interessi di Genova e di tutta la Liguria”.

“Oggi per fortuna – conclude la nota – quegli equilibri politici si sono dissolti e rimangono i dati oggettivi: la valutazione costi benefici era già stata richiesta dall’amministrazione comunale precedente all’università e aveva confermato, nonostante si fosse nel pieno della crisi economica, la valenza strategica e decisiva della Gronda. L’opera è già coperta da finanziamento, quindi tutto è pronto affinché parta. Non vogliamo e non possiamo rinunciare alla Gronda. Se si insediasse un nuovo governo ci batteremo in ogni sede affinché vada avanti senza perdere altro tempo”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.