Partono, dopo una discussione durata anni e diverse proposte vagliate dalle opposte forze politiche regionali, i lavori per la nuova casa della Salute in Valpolcevera, che sorgerà nell’edificio della Ex Trucco a Bolzaneto, già sede dell’omonimo istituto professionale.

Oggi la conferenza stampa a cui hanno partecipato tutte le istituzioni cittadine a cominciare dal presidente della Regione Giovanni Toti e dal sindaco Marco Bucci insieme a Carla Viale, assessore alla Sanità regionale, e Luigi Carlo Bottaro, direttore generale della Asl 3 di Genova.

L’edificio, di dimensioni molto ampie,  servirà un bacino di utenza di 110.000 persone, l’80% delle quali provenienti dalla città metropolitana e il restante 20% dalle aree esterne, comunque  dalla Val Polcevera e dalla Valle Scrivia. Oggi è stato fatto un sopralluogo dalle autorità ed è stato definito in 32 mesi il tempo necessario perché l’edificio sia effettivamente fruibile dai cittadini.

«In questo luogo – spiega Bottaro – i cittadini della Val Polcevera troveranno una risposta alla loro esigenza di prossimità dei principali servizi sanitari e per la persona».

Al suo interno si troverà un Pua (punto unico di accesso) attraverso il quale troveranno assistenza sia sanitaria che sociale tutti i cittadini della zona. Sarà presente il Cup (servizio unico di prenotazione) e ci sarà disponibilità di ambulatori e spazi per visite private specialistiche. È prevista l’attivazione di attività per gli anziani, i disabili e ci sarà un consultorio. Lo scopo di questo investimento della sanità ligure, si parla di 6,5 milioni di euro, è quello di dare agli abitanti della Val Polcevera e prima Valle Scrivia servizi sanitari pari a quelli degli altri cittadini dell’area metropolitana di Genova, ha sottolineato Bucci. Si tratta inoltre di evitare alla popolazione anziana della zona di dover attraversare la città per le prestazioni mediche e contemporaneamente di evitare il sovraffollamento dei pronto soccorso del centro (Galliera e San Martino in particolare), con conseguente miglior funzionamento dell’intero sistema sanitario locale.

Il progetto comprende anche la realizzazione di 112 posti auto per consentire la più agevole sosta dei pazienti e sono già state identificate le zone in cui sorgeranno. L’edificio sarà anche il luogo in cui saranno erogate e promosse le attività sociali del territorio per le fasce più fragili della popolazione residente.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.