La Dia di Genova sta eseguendo, in Liguria e in Campania, due ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, nei confronti dell’amministratore di fatto (ritenuto contiguo a elementi inseriti in organizzazioni camorriste) della Tecnodem srl di Napoli, società già impegnata nella demolizione del Ponte Morandi e di una donna considerata dagli investigatori prestanome nell’ambito della stessa compagine societaria.

Sono in corso perquisizioni con esecuzione di sequestri preventivi.

I provvedimenti traggono origine da un’indagine, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova e condotta dalla Dia, che aveva già comportato, sulla base dei primi accertamenti di carattere amministrativo, l’emissione nel maggio scorso di un’informazione interdittiva a carico dellaTecnodem che era stata così estromessa da un subappalto di centomila euro, relativo o alla demolizione di Ponte Morandi.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.