Nel corso del forum dedicato al Parco del Fiume Magra, organizzato da Legambiente e svoltosi la scorsa settimana a Sarzana, è stato fatto il punto sul futuro dell’area insieme ad amministratori regionali e locali e alle associazioni del bacino idrografico. Nell’occasione, l’associazione ha ufficialmente chiesto alle istituzioni presenti di sollecitare il governo affinché istituisca un percorso per rendere il parco nazionale.

«Quello che è emerso − dichiara Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria − è l’utilità di superare la richiesta di interregionalità del Parco del fiume Magra in quanto il contesto geografico, il bacino idrografico, la biodiversità e la qualità ecologica del territorio rende propedeutica l’istituzione di un percorso affinché il Parco diventi nazionale».

«Per queste ragioni − aggiunge il responsabile Aree Protette di Legambiente Antonio Nicoletti − chiediamo ai parlamentari liguri e toscani di avviare l’iter con il governo per chiederne l’istituzione, e sollecitiamo il Ministro dell’ambiente Sergio Costa, che fino ad oggi si è mostrato sensibile in materia di tutela, di impegnarsi affinché la richiesta venga accolta».

Durante l’incontro è stato presentato un manifesto redatto da Legambiente che sottolinea l’urgenza di avviare quanto prima un percorso di tutela e valorizzazione integrata del Parco del Fiume Magra.

Si legge nel manifesto: “Il Magra con il suo ecosistema fluviale ha sempre rappresentato un elemento unificante d’integrazione delle politiche: di tutela della biodiversità, di gestione ambientale e difesa del suolo ed è un importante corridoio ecologico che svolge un rilevante ruolo di collegamento tra aree ed ecosistemi continentali e mediterranei, confermando la sua strategicità per garantire servizi ecosistemici e attuare le strategie della Convenzione degli Appennini e del progetto APE- Appennino Parco d’Europa. Il Magra è in una posizione cruciale di collegamento e di cerniera tra habitat protetti dell’appennino tosco-ligure d’importanza internazionale, quali: il Parco Nazionale delle Cinque Terre, Patrimonio dell’Umanità Unesco; il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco/ Emiliano, Riserva della Biosfera Unesco; infine il meraviglioso Parco Regionale delle Alpi Apuane, Global Geopark Unesco”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.