«Il decreto “Sblocca cantieri” stravolge di fatto il Codice degli appalti pubblici e rappresenta un passo indietro rispetto al recente passato, prestando il fianco a corruzione, illegalità, sfruttamento». È quanto si legge in una nota di Uil Liguria.

«Oggi a Roma – dichiara nella nota stampa Fabio Servidei, segretario regionale organizzativo Uil Liguria – mentre a Genova era in corso il secondo incontro tra edili e struttura commissariale per il rispetto del contratto edile e la sua corretta applicazione nella ricostruzione del nuovo ponte, si è svolta una manifestazione in piazza Montecitorio alla quale ha partecipato anche la Uil della Liguria. Abbiamo chiesto qualità negli appalti, sicurezza, occupazione, investimenti e sviluppo. Il decreto aumenta le gare al massimo ribasso, ciò vuol dire pagare meno i lavoratori, meno sicurezza e materiali scadenti».

Secondo Uil Liguria il decreto liberalizza il subappalto nei consorzi e lo porta al 50% in tutti gli altri casi, che vuol dire meno controlli e meno tutele, naturalmente significa anche più lavoro irregolare e riporta il Paese ai tempi della “spesa allegra” delle varianti facili e delle tante opere incompiute. “Lo “sblocca niente” sdogana i super poteri ai commissari straordinari, cancella l’Autorità nazionale anticorruzione e mette in capo agli stessi soggetti: progettazione esecuzione e collaudo, ovvero nessun controllo da parte di soggetti terzi sull’intero processo, lo “Sblocca niente” depotenzia anche le procedure antimafia”, conclude Servidei. La Uil Liguria – conclude il comunicato – non ci sta e chiede: contrasto alle mafie e alla corruzione nel sistema degli appalti pubblici, riduzione delle stazioni appaltanti, riduzione e semplificazione delle procedure, gare attraverso bandi pubblici, gare solo con la progettazione esecutiva, basta deroghe, basta alla liberalizzazione del subappalto e ai cartelli d’impresa, stop alle procedure clientelari attraverso la contrattazione negoziata».

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.