Parco delle Mura, oltre un milione per il ripristino dei percorsi ginnici e il miglioramento dei boschi

Non sono gli unici finanziamenti a cui Genova ha attinto grazie al Programma di sviluppo rurale

Un investimento di oltre un milione, diviso in due lotti, per ripristinare i percorsi ginnici e le aree di sosta del “parco delle mura” di Genova. Da metà giugno partiranno i lavori, in contemporanea sul percorso alto (1.850 m) e quello basso (2.750 m). Inoltre sono previsti interventi di miglioramento boschivo anche in chiave antincendio.

L’assessore comunale Paolo Fanghella, che ha la delega a Lavori pubblici, manutenzioni e sviluppo delle vallate, spiega: «Il percorso resterà quello attuale, verrà valutata la sistemazione o l’eventuale sostituzione degli arredi non più utilizzabili». I fondi arrivano dal programma di sviluppo rurale e non riguardano solo questo intervento (vedi box).

Le imprese che si occuperanno dei lavori sono l’ati tra Agrifor snc e Cooperativa Il Rastrello (98 ettari, 372 mila euro) e Ambiente srl per 47 ettari e 696 mila euro. Con le imprese sono stati stipulati 2 singoli contratti di gestione della durata di 10 anni.

Gli interventi sul bosco saranno di diradamento selettivo, eliminando le conifere non autoctone, le piante morte o pericolanti, in favore delle latifoglie locali (querce, frassini eccetera). In questo modo verrà favorita la biodiversità e ridotta la suscettività agli incendi.

Questi gli interventi nel dettaglio, oltre a quelli già descritti: ripristino e manutenzione delle aree di sosta poste sul terrapieno delle mura, dopo la casetta rossa, ripristino delle aree e dei piazzali nei pressi dei giardini Calcagno e di Oregina. In sostanza verranno demolite e rifatte le ringhiere lungo i percorsi e i tratti carrabili, uniformandone la tipologia, in legno locale di castagno, verrà migliorata la pavimentazione di alcuni tratti, con acciottolati in pietra locale, ripristinati o sistemati i tavoli e le panche delle aree di sosta, realizzate opere di ingegneria naturalistica lungo i percorsi per ridurre fenomeni di erosione, posati pannelli didattici e naturalistici.

«Non sono gli unici interventi previsti nell’ambito del psr – annuncia Fanghella – abbiamo in programma lavori di contenimento dell’erosione e di approvigionamento idrico nelle ville Pallavicini con 117 mila euro e Doria con 281 mila euro e villa Galliera con 132 mila euro».

A Levante, con i fondi del Psr, il Comune realizzerà misure di antincendio boschivo nella zona fortini-monte Moro. Per l’accordo quadro triennale sullo sviluppo delle vallate il finanziamento è di 400 mila euro.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.