«C’è l’ipotesi di ospitare in albergo gli abitanti più vicini alla zona di cantiere, per due o tre giorni, o fino a quando le polveri dell’esplosione non saranno completamente abbattute». Lo ha detto Marco Bucci, sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione del viadotto Polcevera, intervenuto oggi, a margine di un incontro con la stampa, sulle misure di sicurezza nel caso in cui si dovesse procedere con l’esplosivo per l’abbattimento delle pile 10 e 11 di ponte Morandi.

Secondo il sindaco, «le persone che potrebbero dover lasciare le loro abitazioni potrebbero essere tra le 600 e le mille, a seconda di quello che potrebbe essere il piano di demolizione. Ma si tratta per ora di ipotesi, non c’è ancora un piano definito e non è ancora escluso lo smontaggio meccanico».

Bucci è intervenuto anche sul tema della viabilità, ribadendo che il 22 aprile dovrebbe essere la data di riapertura di via Fillak: «Sono stato in sopralluogo al cantiere questa mattina, si sta lavorando, direi che si parla di Pasquetta».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.