Tecnicamente si chiamano “pannelli di pubblico servizio” e sono impianti di arredo urbano con spazi pubblicitari. Hanno fatto la loro comparsa all’ingresso di San Salvatore, lato Lavagna, dove sono stati installati dalla Bieffe Consulting srl.

Chiesta l’autorizzazione per l’installazione di questi impianti bifacciali, si è deciso di tenere tre spazi per dedicarli alla pubblicità privata e uno a uso del Comune. L’operazione è avvenuta a costo zero per i cittadini di Cogorno: l’impianto è stato posizionato dalla ditta, che si occuperà anche della sua manutenzione.

«Un ulteriore tassello per promuovere il territorio – commenta il sindaco Enrica Sommariva – ci stiamo preparando per la Pasqua e per i turisti che verranno in Riviera, per questo abbiamo deciso di dare valore al simbolo che racchiude l’essenza stessa del nostro Comune: la basilica dei Fieschi. Realizzata in parte con l’ardesia del monte San Giacomo, la basilica papale ha avuto come committenti papa Innocenzo IV e papa Adriano V, quest’ultimo citato da Dante Alighieri nella Divina Commedia quando scrive del torrente Entella. Per queste ragioni questa suggestiva opera riesce a rappresentare Cogorno dalla sua collina fino al fondovalle. Grazie a questo accordo – conclude il primo cittadino – il Comune ha ottenuto a costo zero un nuovo strumento di valorizzazione».

Nel manifesto si possono ammirare anche alcuni dettagli: l’abside, il palazzo, il rosone, il fiume Entella, la pianta d’ulivo e il sentiero in ardesia vista Portofino.

Nel corso dei mesi estivi (giugno, luglio e agosto) l’immagine verrà sostituita per promuovere la manifestazione Addio do Fantin.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.