A Chiavari è stato approvato il progetto definitivo di realizzazione degli interventi di messa in sicurezza del Rio Bona, affluente di sponda sinistra del Rupinaro, per la mitigazione del rischio idrogeologico del torrente. Una spesa complessiva pari a 700 mila euro per un progetto che potrà realisticamente partire entro la fine del 2019.

Per scongiurare il pericolo di allagamenti localizzati il corso del torrente verrà deviato dal suo letto originario, creando un nuovo rio a cielo aperto con brevi tratti tombinati, per poi immettersi nel Rupinaro, all’altezza del ponte di accesso alla fabbrica Hi Lex in via San Rufino.

L’amministrazione Di Capua ha implementato il progetto complessivo del Rupinaro inserendo specifici interventi di pulizia, manutenzione e messa in sicurezza degli altri affluenti del torrente, non previsti all’interno della progettazione preliminare, come il rio della Moranda e il rio Bacezza.

Rio della Bona planimetria di progetto su inquadramento ortofotografico

Oggi l’amministrazione ha anche affidato i lavori per la manutenzione straordinaria e gli adeguamenti necessari per il trasferimento della guardia di finanza al sesto e settimo piano del nuovo palazzo di giustizia, in via Trieste. L’intervento sarà della ditta 3C Tecnologie srl, con sede a Roma, per un importo di 97.742,70 euro iva esclusa, con un ribasso del 22,478%.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.