Avvio debole per la Borsa di Milano. Il primo Ftse Mib segna -0,03% a quota 21.950 punti. Tra i titoli in evidenza gli energetici: Saipem, che guadagna il 2,66% e Tenaris (+2,65%). In calo Juventus (-2,78%) e Fca (-2,61%).

Poco mosse anche le Borse europee. Parigi -0,05% con il Cac 40 a quota 5.577 punti. Francoforte +0,02% con il Dax a 12.224 punti. Londra è a +0,14% con il Ftse 100 a 7.470 punti.

Chiusura senza scossoni per le borse asiatiche, Tokyo segna un +0,19%.

Il prezzo del petrolio sale a 66,02 con una variazione per il greggio Wti di +0,72%. Il Brent è a 74,51 dollari (+0,63%). L’aumento arriva a causa dello stop totale da parte dell’amministrazione Usa all’import di petrolio iraniano, annunciando che il 2 maggio prossimo non rinnoverà le esenzioni di 180 giorni concesse ad otto Paesi, tra cui l’Italia.

Nei cambi avvio stabile per l’euro. La moneta unica europea viene scambiata a 1,1248 dollari. Nei confronti dello yen la moneta unica passa di mano a 125,88.

Lo spread tra Btp e Bund tedesco a 10 anni, dopo l’apertura a 255, praticamente stabile rispetto alla chisura del 18 aprile, sale a 259 con il passare dei minuti

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.