Primo 25 Aprile senza fischi per il presidente della Regione Giovanni Toti e il sindaco di Genova, Marco Bucci.

Marco Bucci e Giovanni Toti

Le celebrazioni dell’anniversario della Liberazione negli anni scorsi, in piazza Matteotti, a Genova, per quanto riguarda il presidente della Regione avevano seguito un copione rigido: Toti prende la parola, c’è chi lo applaude ma un (piccolo) gruppo di persone lo contesta con grida e fischi, il presidente della Regione ricorda che grazie a ciò che il 25 Aprile rappresenta in Italia ciascuno può esprimere liberamente la propria opinione e va avanti con il suo discorso: «Il bello del 25 Aprile e di quello che è venuto dopo – aveva detto nel 2018 – è che io posso parlare e voi potete fischiarmi e non succede nulla».

Eletto nel giugno 2017, Bucci disponeva di un copione meno sperimentato, aveva ricevuto, con gli applausi, fischi e insulti soltanto l’anno scorso. «Impareranno anche loro col tempo che la civiltà chiede rispetto» aveva commentato con i giornalisti dopo la cerimonia, riferendosi ai suoi contestatori.

La previsione del sindaco si è avverata già quest’anno. Forse per la presenza, in Italia, di bersagli più visibili (uno striscione in piazza portava la scritta “antifascismo è porti aperti e covi fascisti chiusi”), forse perché il disastro dell’estate scorsa induce più a unirsi che a dividersi, forse per altri motivi,  fatto sta che questa mattina, davanti a un pubblico più numeroso che in passato – sulle seimila persone – i due esponenti del centrodestra hanno ricevuto soltanto applausi. E Toti ha ricordato lo spirito della Resistenza con un riferimento all’attualità (lo striscione “Onore a Mussolini” esposto ieri a poca distanza da piazzale Loreto a Milano), parlando di «uno spirito che deve vederci tutti uniti, senza gli assurdi e osceni revisionismi che ho visto in scena ieri a Milano e di cui stamani si è parlato sui giornali e senza quelle strumentalizzazioni da parte di pochi che troppo spesso hanno diviso i tanti».

Gonfalone di Genova

«È stato un bel 25 Aprile – ha poi commentato il governatore davanti a telecamere e registratori – che ha dimostrato la capacità di mobilitazione dell’Italia migliore, senza provocazioni, senza revisionismi, senza strumentalizzazioni e senza inutili gesti divisivi». E il sindaco ha visto nella manifestazione «una città coesa, capace di proiettarsi nel futuro, una grande città che vuole fare cose grandi».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.