Wylab, il primo incubatore italiano di startup sportive, ha siglato un protocollo d’intesa con Qatar SportsTech, il programma di accelerazione gestito da Startupbootcamp, organizzazione olandese tra i leader mondiali nell’accelerazione di startup, per conto di Qatar Development Bank e un pool di imprese dell’ecosistema sportivo locale e internazionale.

Attraverso l’accordo, della durata di tre anni, Wylab e Qatar SportsTech diventano partner strategici con l’obiettivo di creare nuove opportunità di relazione tra Italia e Qatar, in particolare attraverso la partecipazione ai rispettivi programmi di selezione, la fornitura di servizi di guida e mentorship alle startup, l’accesso a nuove soluzioni per i partner e l’introduzione delle startup nei rispettivi network, in vista dei prossimi Mondiali del 2022.

È qui che s’inquadra la visita di Startupbootcamp nella sede di Wylab lo scorso dicembre, con i proficui colloqui svolti con alcune startup “chiavaresi” nell’ambito del tour mondiale per fare scouting di startup e la conseguente partecipazione di Wylab alla giornata di selezione del programma di accelerazione Qatar SportsTech svoltasi a Doha in gennaio. Momenti estremamente utili, tappe fondamentali di crescita nella strategia di sviluppo internazionale di Wylab.

«Il senso di questo accordo − spiega Federico Smanio, ceo di Wylab − è diventare un incubatore sempre più forte e appetibile per le startup sportive, in grado di offrire da un lato nuovi mercati e opportunità di crescita per le startup di Wylab, dall’altro un punto di accesso al mondo dello sport italiano per nuove realtà internazionali».

«Fare network con player di primo livello nel panorama internazionale − prosegue Smanio − è uno step imprescindibile se vogliamo diventare sempre più credibili nel tentativo di fare innovazione in Italia. La contaminazione con mondi e soggetti simili a noi, lo scambio di know how e conoscenze con gli amici di Startupbootcamp può aiutarci a fare un ulteriore salto di qualità necessario per diventare un player di riferimento per lo sport tech non solo in Italia».

«Lo sport è universale − dice Koen Bosma, Direttore del programma Qatar SportsTech − Il settore sport-tech è frammentato e noi ci impegniamo a costruire ponti e relazioni. La tecnologia avrà un impatto sempre più determinante sull’innovazione nello sport e condividiamo la visione di Wylab: offrire alle startup sport-tech gli strumenti per forgiare il futuro degli sport. Wylab è leader in Italia e lo scambio di conoscenze, competenze e network non può che aggiungere valore a entrambi i programmi».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.