Federarchitetti (Federazione nazionale architetti e ingegneri liberi professionisti) organizza a Genova venerdì 29 marzo la X Giornata nazionale per la Sicurezza nei Cantieri. L’appuntamento annuale, promosso dalla sigla che rappresenta gli architetti e gli ingegneri italiani, incentra la propria attenzione sui rischi del lavoro in cantiere, offrendo al tempo stesso una occasione di approfondimento del fenomeno e una guida utile ad evitare gli incidenti, non di rado mortali anche nei cantieri italiani.

Per Federarchitetti la riduzione di vittime e infortuni sul lavoro è un obiettivo di civiltà che deve coinvolgere non solo i committenti, le imprese e i tecnici ma l’intera società, sia per una maggiore crescita culturale sul tema sia per le ripercussioni dei costi sociali che tale fenomeno determina. Ecco perché la sigla degli architetti e degli ingegneri dà vita alla “X Giornata Nazionale per la Sicurezza nei Cantieri”, anche grazie alla mobilitazione delle Sezioni Territoriali, per diffondere la cultura della sicurezza come processo essenziale per ridurre l’incidenza di infortuni e vittime che annualmente si è costretti a contare nei cantieri.

«Da alcuni anni – dichiara il presidente di Federarchitetti, Nazzareno Iarrusso – abbiamo deciso di rendere itinerante e concludere l’evento nazionale in città diverse dalla capitale, partendo dai capoluoghi di regione. Dopo la Giornata di Firenze nel 2017 e di Potenza del 2018, quest’anno l’evento sarà celebrato nella città di Genova dove, nella sala Ricevimento di Palazzo Tursi del Comune di Genova, il prossimo 29 marzo, si concluderà la manifestazione.

Per la “X Giornata Nazionale per la Sicurezza nei Cantieri” il tema-conduttore è “Gestione interferenze”, per evidenziare dove si insinuano i rischi maggiori degli infortuni sul lavoro ed esaminare l’evoluzione normativa e culturale del settore atta a garantire la sicurezza delle maestranze nei cantieri.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.