Dal Forte di Santa Tecla, a Sanremo, che da oggi a domenica 10 marzo ospita l’omaggio ai Padri della Floricoltura non solo ligure ma nazionale e mondiale, parte un lungo filo che unisce questa manifestazione, “Sanremo in Fiore 2019”, con la superba Villa Ormond e la collaudatissima “Floranga” – organizzata dai Giovani di Confagricoltura – fino ad arrivare a “Carri Fioriti” che nel weekend porterà decine di migliaia di turisti fin nel centro di Sanremo.

Il tutto sotto la regia di Confagricoltura Imperia: “Un filo unico, coloratissimo – si legge nella nota dell’associazione – che lega insieme il passato e il futuro di questo comparto unico al mondo. Gli ibridatori che da qui sono partiti e che tutto il mondo ci invidia vedono il loro giusto tributo negli splendidi allestimenti della manifestazione al Forte. Ed è splendido che il loro sapere tramandato di generazione in generazione sia ben visibile nelle composizioni di Villa Ormond in fiore, nei concorsi di Floranga e negli splendidi carri fioriti che portano questo sapere, queste produzioni, questo valore alla visione di tutti”.

“Sanremo capitale dei fiori – prosegue Confagricoltura – a giusto e pieno titolo, per un settore che vale oltre l’80% della produzione lorda vendibile dell’agricoltura ligure. Ma la floricoltura deve essere considerata patrimonio unico di questo Paese non solo a San Valentino, in occasione del Festival di Sanremo o per la Festa dell’8 marzo. Un patrimonio di cultura, economico e di territorio”.

Il valore delle produzioni florovivaistiche italiane rappresenta oltre il 5% (in contrazione in seguito alla crisi economica) della produzione agricola totale e deriva per il 50% dai comparti fiori e piante in vaso mentre, il restante 50% da piante, alberi e arbusti destinati al vivaismo.

Secondo i dati dell’ultimo censimento Istat, sono circa 14 mila le aziende di produzione che si dedicano ai fiori e piante in vaso e quasi 1.000 quelle attive nella produzione di rose; la dimensione media è decisamente più elevata nel caso del vivaismo (2,1 ettari contro 0,9 ettari di quella di fiori e piante in vaso). La superficie agricola destinata complessivamente al settore, quasi 29 mila ettari, è investita, per almeno il 70%, a piante in vaso e vivaismo.

Un settore che vale complessivamente oltre 2,5 miliardi di euro e con 100 mila addetti in 27 mila aziende.

A completamento del quadro statistico del settore, si evidenzia il dato degli addetti operanti nel comparto florovivaistico nazionale, ammontante a circa 120 mila unità, di cui circa 37 mila appartenenti alla cura e manutenzione del paesaggio.

In Italia, secondo le ultime stime Ismea, si sono prodotte nel 2017 ben 3.154 milioni di steli di fiori e che valgono, in termini di produzione 1.202 milioni di euro, generando un export di 133 milioni di euro per i fiori e il fogliame. La spesa annua delle famiglie italiane è di 2.035 milioni pari a 42,9 euro pro capite.

Il tutto distribuito da 16.665 negozi di fiori e piante, per 27.575 addetti, un vero comparto economico, fiore all’occhiello del nostro Paese.

Nel triennio 2014/2017, in Liguria, crescono i fiori recisi in serra (+4,73%), cui corrisponde un calo vistoso dei fiori recisi in piena aria (-31,32 %). A Imperia è concentrata l’84,11% della produzione di fiori recisi in serra e il 93,40% dei fiori recisi prodotti in piena aria.   Le sole aziende floricole liguri hanno generato, nel 2017, una produzione pari all’1,7% del totale italiano. In Liguria sono stati prodotti, nel solo 2016, secondo l’annuario statistico di Unioncamere 5.756.968  fiori recisi.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.