L’occupazione in Liguria è aumentata nel 2018 ma è cresciuta anche l’incidenza del lavoro a tempo parziale e dei contratti a termine e nel quarto trimestre l’aumento del numero degli occupati si è interrotto. È quanto rileva, sulla base dei dati Istat, Marco De Silva, responsabile dell’Ufficio economico Cgil Liguria.

«Gli occupati in Liguria nel 2018 – si legge in una nota stampa di De Silva – sono stati in media 609 mila (+ 6 mila rispetto al 2017) frutto di una crescita dei lavoratori con contratti dipendenti (+ 8 mila unità da 443 a 451 mila occupati) e di un calo degli indipendenti di 2 mila (da 160 a 158 mila)».

La qualità dell’occupazione, però, «non segue l’aumento numerico: infatti aumenta l’incidenza del tempo-parziale al 21,5% (che per le donne sale al 36,9%) e tra gli occupati dipendenti aumenta del 15% in un solo anno l’incidenza dei contratti a termine sul totale e che interessano il 15,3% dello stock occupazionale ligure».

Inoltre «il positivo andamento del 2018 si interrompe nel quarto trimestre che, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, registra una situazione invariata a 605 mila occupati con una divaricazione netta tra le condizioni occupazionali: + 13 mila occupati dipendenti e – 14 mila occupati indipendenti».

Federico Vesigna, segretario generale Cgil Liguria osserva: «La crescita dell’occupazione è un segnale positivo, ma va letto ed analizzato con attenzione; se da un lato il trend è positivo, dall’altro i numeri non ci riportano ai livelli pre-crisi; nel quarto trimestre la crescita dell’occupazione si è arrestata, segno che l’impatto del crollo del Ponte Morandi ha riguardato tutta la Liguria, anche se in modo meno drammatico di quanto ci si poteva aspettare».

«Le principali preoccupazioni del sindacato – precisa Vesigna – si soffermano su tre questioni principali: le costruzioni, settore che continua a perdere posti di lavoro, e per questo settore domani ci sarà sciopero nazionale con manifestazione a Roma; le difficoltà del tessuto commerciale; il ripetersi dei problemi sul turismo dove alla crescita di arrivi e presenze non corrisponde la crescita dell’occupazione. Questo dato purtroppo conferma come nella nostra Regione la sfida della destagionalizzazione del turismo sia una scommessa ancora lontana dall’essere vinta».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.