Hanno chiuso in positivo le borse europee, spinte dalla prospettiva di un rinvio dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Il Cac 40 di Parigi segna +0,82%, il Dax 30 di Francoforte +0,13%, il Ftse 100 di Londra +0,37%. Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All-Share a 22.924,91 punti (+0,61%) e Ftse Mib a 20.877,43 punti (+0,62%), mentre lo spread BtP Italia/Bund a 10 anni si è ridotto, attestandosi sui 241 punti base da 249 pb di ieri sera.

A Piazza Affari exploit clamoroso di Leonardo (+13,23%) all’indomani dei conti 2018 sopra le previsioni. In un’intervista al Sole 24 Ore il ceo Profumo ha escluso la necessità di un ricorso a un rafforzamento del capitale. La contrazione dello spread ha favorito i bancari, con in testa sul listino principale Banco Bpm ((+4,43%). Esordio debole per la Società editoriale Il Fatto, che ha chiuso a -0,69%, dopo essere arrivato a guadagnare il 18% in avvio.

Petrolio contrastato (+0,41% il Wti a maggio e -0,44% il Brent)

Sul fronte dei cambi, l’euro resta sopra quota 1,13 dollari e si attesta a 1,1308 (1,1329 in avvio e 1,1327 ieri), e a 126,243 yen.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.