Chiusura piatta per le borse europee, in attesa del voto del parlamento britannico sulla Brexit. Il Cac 40 di Parigi segna +0,08%, il Dax 30 di Francoforte -0,17%, il Ftse 100 di Londra +0,29%. Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All-Share a 22.675,74 punti (+0,01%) e Ftse Mib a 20.631,19 punti (-0,03%). Poco mosso lo spread BtP Italia/Bund a dieci anni, attestato su 247 punti base da 250 pb di ieri sera

A Piazza Affari cede terreno Telecom Italia (-5,9%) mentre proseguono le schermaglie fra Elliott e Vivendi in vista dell’assemblea del 29 marzo. Iuventus in calo (-2,7%) in vista della difficile partita di questa sera con l’Atletico Madrid. I bianconeri a Torino cercheranno di ribaltare il 2-0 del Wanda Metropolitano nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League.

Sul fronte valutario, a causa delle vicissitudini della Brexit la sterlina arretra a 1,308 nei confronti del dollaro e a 0,863 rispetto all’euro, mentre il cambio fra euro e dollaro risale a 1,129 dopo i dati poco sotto le attese sull’inflazione americana di febbraio (+0,2% su base mensile, +1,5% anno su anno).

Tra le materie prime l’oro si mantiene in area 1.297 dollari l’oncia, tiene il petrolio con Wti e Brent rispettivamente a 57 e 66,7 dollari al barile sulle aspettative di un ulteriore taglio alla produzione da parte dell’Arabia Saudita.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.