Chiusura in moderato ribasso per le borse europee, mentre a Wall Street il Dow Jones (-0,2%), lo S&P 500 (-0,2%) e il Nasdaq (-0,4%) viaggiano poco sotto la parità. Gli operatori sono frenati dalla prospettiva di un rallentamento dell’economia globale e dalla possibilità sempre più concreta di un’uscita dell’Uk dall’Ue senza accordo.

Il Cac 40 di Parigi segna -0,18%, il Dax 30 di Francoforte -0,15%, il Ftse 100 di Londra -0,42%. Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All-Share a 23.064,82 punti (-0,15%) e Ftse Mib a 21.059,60 punti (-0,09%). Lo spread BtP Italia/Bund a dieci anni si è ampliato ancora, raggiungendo i 252 punti base dai 247,50 pb di venerdì sera.

Sul Forex l’euro/dollaro resta in area 1,131 e il dollaro/yen in area 110, mentre la sterlina rimane volatile in seguito alla vicenda Brexit

Nel cima di incertezza incertezza l’oro, considerato bene-rifugio, risale a 1.323 dollari l’oncia. Restano in ribasso le quotazioni del greggio, penalizzato dai dubbi sulla crescita e sulla domanda, con Wti e Brent rispettivamente a 59 e 66,9 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.