La Borsa di Milano ha aperto in calo. Il primo Ftse Mib perdeva lo 0,35% a 19.763 punti. Tra i titoli in evidenza: Atlantia spicca a +1,47%, in calo i bancari, capeggiati da Banco Bpm (-2,41%).

Piazze europee contrastate con gli investitori che si concentrano sulle principali trimestrali in arrivo nel corso della settimana. Si guarda anche al discorso di Donald Trump sullo stato dell’Unione e agli esiti del dialogo tra Usa e Cina sul fronte del commercio internazionale.
Parigi -0,45%, Londra -0,24%, piatta Francoforte (+0,02%).

Borse asiatiche in rialzo con molti listini ancora chiusi per il capodanno cinese. Tokyo archivia la seduta in rialzo dello 0,14%.

Sul fronte macro si attendono dalla Germania i dati sugli ordini industriali. Dagli Usa in arrivo gli indici di produttività e costo del lavoro, i dati sulla bilancia commerciale e sulle scorte settimanali petrolio.

Proprio il petrolio è in calo, con il Wti a 53,38 dollari al barile (-0,52%) e il Brent a 61,64 dollari al barile (-0,55%).

Nei cambi leggero calo per le quotazioni dell’euro sul dollaro, che scambia a 1,138 (-0,16%). Lo yen scende a 124,939 sulla moneta unica.

Lo spread tra il Btp decennale italiano e il Bund tedesco è in salita a 266,1 (+1,64%).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.