S’intitola “Amari spicchi d’arancia” la prima fatica letteraria di Federica Piera Amadori. Un libro per certi versi controverso che sta in mezzo tra l’assolutamente reale e il fantastico possibile. Tutto possibile quando si parla di servizi segreti “deviati”, tanto per gradire e avere anche un punto di riferimento preciso riguardante l’italica patria.

La storia di un crudele esperimento scientifico portato avanti da eminenze oscure a mezza via tra il test sociale e la crudeltà fine a se stessa. La storia di una donna, “prescelta” per fare da cavia in un inumano cimento nel corso del quale viene sottoposta a ogni genere di violenze e frustrazioni.

A questa storia, Federica Piera Amadori, ne aggiunge un’altra dove scorre una vita che comprende anche l’amore e che punta all’affrancamento dal sistema deviato di cui lei è stata vittima. Tentativo che porta avanti incontrando un reticolo di persone che l’accompagneranno lungo il viaggio del riscatto.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.